Mercoledì 24 Aprile 2024

Lavorare viaggiando. La frontiera del camper

di Renzo Vatti È arrivata la primavera, stagione ideale per programmare viaggi e week-end con la famiglia, possibilmente in libertà e...

Lavorare viaggiando. La frontiera del camper

Lavorare viaggiando. La frontiera del camper

di Renzo Vatti

È arrivata la primavera, stagione ideale per programmare viaggi e week-end con la famiglia, possibilmente in libertà e alla scoperta del territorio. Viaggiare a bordo di un camper è da sempre stato sinonimo di libertà, di voglia di esplorare, di desiderio di raggiungere e scoprire nuove mete, di entrare in contatto con realtà e tradizioni differenti. Secondo Davide Bon, esperto di ’CamperOnLine’ "con il passare del tempo, con l’evolversi delle tecnologie e, soprattutto in quest’ultimo periodo, complici molti cambiamenti nel modo di vivere e di lavorare, il camper è davvero diventato uno strumento che può essere utilizzato a 360 gradi. Non solo come fedele compagno di viaggio durante le proprie vacanze o per qualche fuga nei weekend, ma, ad esempio, anche come ufficio mobile".

Dopo l’avvento dello smart working anche alle nostre latitudini c’è chi lo utilizza saltuariamente, concedendosi così di lavorare e allo stesso tempo staccare un po’ la spina con la propria quotidianità. Persone che decidono così di evadere, di ammirare, giorno dopo giorno, un panorama diverso mentre lavorano comodamente dal living del proprio mezzo, avvicinandosi alla sempre più diffusa tipologia di vita del cosiddetto ’nomade digitale’. "Proprio per venire incontro alle esigenze di questo pubblico – dice Bon – i costruttori di camper e di accessori collegati a questo mondo stanno sviluppando soluzioni e prodotti sempre più mirati per questo scopo".

Parliamo di equipaggiamenti che, da un lato, aumentano molto l’autonomia energetica di bordo – ne sono un esempio le batterie al litio supportante da un impianto di pannelli solari – e, dall’altro, permettono di essere sempre connessi. Non solo, iniziano anche a comparire, tra le produzioni di veicoli in serie, modelli studiati e progettati proprio per essere utilizzati non solo come veicoli da vacanza. Bon sottolinea che "nonostante queste nuove tendenze d’utilizzo, il pilastro portante del mondo dei veicoli ricreazionali resta comunque la flessibilità".

Che l’equipaggio sia formato da una coppia, da una famiglia con bambini, o da single, sul mercato non mancano le scelte. Nelle ultime stagioni i riflettori sono stati puntati sui segmenti del van e dei veicoli polivalenti, mezzi iconici simbolo di libertà. Veicoli che, grazie alle loro dimensioni contenute e alla loro maneggevolezza, si possono infatti prestare agli usi più differenti. Ma le soluzioni più tradizionali di certo non mancano con camper pieni di comfort, spazi vitali più ampi e buone possibilità di stivaggio.

Davide Bon precisa che "una nicchia molto particolare è rappresentata dei veicoli di lusso, camper dal costo importante e dalle dimensioni generose con soluzioni che si avvicinano molto a quelle di una casa. A bordo offrono cucine dalle forme e dalle dotazioni prettamente domestiche, piccole sale da bagno, camere padronali, soggiorni con divani e chaise longue e a volte la possibilità di ampliare gli spazi vitali interni grazie a degli slide-out laterali. Ma se ciò non bastasse, alcuni di questi veicoli sono provvisti anche di garage porta auto, in grado di ospitare una piccola utilitaria". Cambia anche design con tinte o abbinamenti particolari o fuori dal comune come i rivestimenti in feltro o in effetto testurizzato attraverso giochi di luce sfruttando sempre più le potenzialità dell’illuminazione a Led indiretta.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro