Una partnership industriale e finanziaria tra la prima compagnia italiana (Generali) e la quinta (Cattolica Assicurazioni). Il Leone di Trieste diventerà infatti il socio di riferimento (24,4%) della compagnia fondata a Verona nel 1896 come cooperativa, sottoscrivendo un aumento di capitale riservato da 300 milioni a un prezzo di 5,5 euro per azione. Valore a cui si è subito avvicinata Cattolica in Borsa con un balzo ieri del 38,12% a 4,986. Per l’operazione, che dovrà ottenere il via libera dell’Antitrust, il cda di Cattolica dovrà varare entro il 15 luglio l’aumento di capitale riservato al gruppo guidato da Philippe Donnet e un’assemblea straordinaria approvare entro il 31 luglio la trasformazione da cooperativa in spa, con effetto dal 1° aprile 2021. Generali – che avrà tre rappresentanti nel board di Cattolica - avrà la possibilità di sottoscrivere pro quota anche il successivo aumento di capitale da 200 milioni.

Achille Perego