Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente del Senato, durante la discussione (Ansa)

Roma, 11 ottobre 2018 - Manovra, via libera del Senato alla risoluzione di maggioranza che autorizza il rinvio del pareggio di bilancio, così come previsto dal governo con la nota di aggiornamento al Def. L'Aula del Senato ha approvato la risoluzione di maggioranza con 165 voti favorevoli, 107 contrari e 5 astenuti. 

Secondo quanto indicato dalla nota di aggiornamento al Def il deficit salirà al 2,4% nel 2019, per poi scendere al 2,1% nel 2020 e all'1,8% nel 2021.

Il Senato ha votato anche la risoluzione di maggioranza presentata in occasione dell'esame della Nota di aggiornamento al Def. Tra i punti chiave sui cui i parlamentari chiedono l'impegno del governo, la realizzazione della riforma della legge Fornero, il reddito e la pensione di cittadinanza. I voti favorevoli sono stati 161.

M5S: "E' una manovra per la felicità degli italiani"

Nella dichiarazione di voto a nome di M5S, Laura Bottici spiega: "Ci si chiede di ascoltare i mercati, a causa delle vostre perplessità, invece noi vogliamo ascoltare i cittadini". Obiettivo della maggioranza che sostiene il Governo, è "rispettare i vincoli europei e garantire una qualità di vita migliore ai cittadini". Entrando nel merito, Bottici ha sostenuto che "l'attuale legge Fornero garantisce certamente stabilità finanziaria ma blocca il turnover e costringe i nostri giovani a scappare all'estero". "Il M5S - ha rivendicato - è nato per essere vicino ai cittadini. Per questo vota a favore, per avere finalmente una manovra per la felicità degli italiani, sarà la fiducia dei cittadini italiani a conquistare quella dei mercati, alla faccia delle vostre perplessità".

L'OK DELLA CAMERA - Dopo l'ok arrivato dal Senato, ANCHE l'Aula della Camera ha approvato la risoluzione di maggioranza sulla nota di aggiornamento al Def. Il testo ha ottenuto 331 voti favorevoli e 191 contrari.

In una nota dei deputati M5S si legge: "L'approvazione alla Camera della nota di aggiornamento del Def getta le basi per un cambio di rotta nella politica economica italiana. Stop ad anni di austerity che hanno impoverito gli italiani e precarizzato il lavoro, via ad una stagione espansiva con investimenti pubblici e privati che rilanceranno la crescita. Manteniamo le promesse fatte in campagna elettorale: reddito di cittadinanza, pensione di cittadinanza, superamento legge Fornero, risarcimento ai truffati delle banche sono alla base della Manovra del Popolo che contiene tanti altri interventi a favore dei cittadini. Lo dobbiamo ai milioni di poveri che sono stati abbandonati dagli scorsi Governi, ai lavoratori che hanno diritto ad andare in pensione, ai tanti giovani che aspettano soltanto un'occasione per entrare nel mondo del lavoro, crearsi una famiglia e realizzarsi nella società. Siamo felici e convinti che con le buone idee e con un impegno costante il cambiamento che gli italiani ci hanno richiesto con forza diventerà realtà".

 Salvini: "Né patrimoniali né prelievi dai conti correnti"

image