Mercoledì 22 Maggio 2024

Abk Group, investimenti per 30 milioni. Al via il primo flagship store

ABK GROUP INDUSTRIE ceramiche Spa, società specializzata nella produzione di rivestimenti in gres porcellanato made in Italy che comprende, tra...

Abk Group, investimenti  per 30 milioni. Al via il primo flagship store

Abk Group, investimenti per 30 milioni. Al via il primo flagship store

ABK GROUP INDUSTRIE ceramiche Spa, società specializzata nella produzione di rivestimenti in gres porcellanato made in Italy che comprende, tra gli altri, i brand Abk, Flaviker e Desvres Ariana,

apre il suo primo flagship store a Milano. Il gruppo di Finale Emilia, dopo aver annunciato lo stanziamento di un piano di investimenti di 30 milioni di euro a seguito dell’ingresso nel capitale sociale di Cleon Capital, dà inizio al proprio percorso di crescita a medio-lungo termine. Un programma di sviluppo che prende il via il 16 aprile con l’apertura dello spazio espositivo – il primo in Italia – in via Fernanda Wittgens a Milano, in occasione della Design Week il più importante appuntamento internazionale per l’industria del design.

Con questo flagship store l’azienda intende offrire un servizio sempre più customizzato, rapido e

flessibile ad architetti, interior designers e general contractors che avranno la possibilità di accedere all’offerta Made in Italy e alle tecnologie all’avanguardia che distinguono Abk Group. Dopo quella di Milano seguiranno altre aperture strategiche nei prossimi mesi, sempre orientate a consolidare la presenza del gruppo nel mercato italiano ed internazionale, alle quali si affiancherà un nuovo hub direzionale a Fiorano Modenese, nel cuore del distretto ceramico emiliano, che comprenderà un’area dedicata agli uffici e uno sho room di oltre 3.000 mq al servizio di tutti i brand di Gruppo.

"Oggi compiamo un passo fondamentale nel piano di crescita della nostra realtà – sottolinea il presidente di Abk Group, Roberto Fabbri, (nella foto a destra) – Vogliamo infatti creare un rapporto sempre più personalizzato con partner e clienti, e alimentare un dialogo volto a creare sinergie, mettendo a loro disposizione il meglio del nostro know-how e dei prodotti Made In Italy. Il nostro obiettivo è quello di offrire un servizio su misura in grado di soddisfare le più sofisticate esigenze.

Crediamo che questi, al giorno oggi, siano fattori determinanti per mantere elevata la nostra competitività sul mercato". Il flagship, di oltre 150 metri quadri, è pensato per immergere il visitatore in un percorso emozionante attraverso la vasta offerta prodotto dell’azienda, che incontra diverse destinazioni d’uso. Il piano terra è dedicato al mondo grandi lastre e alle ceramiche per l’ambito cucina e arredo, al Wall Decor e alla collaborazione con Paola Navone, designer, art director e progettista di interni di fama mondiale. Il piano interrato conduce alla materioteca ABK Group, all’interno della quale si trovano i campioni di tutte le principali superfici, sia indoor che outdoor.

Guardando agli altri ambiti del piano di investimenti, un altro importante capitolo riguarda l’innovazione di prodotto. Un chiodo fisso per l’azienda, che si è ora dotata di macchinari di ultima generazione, funzionali al miglioramento della propria gamma di prodotti. Tra le novità di prodotto più rilevanti spiccano, in particolare, le lastre di grande formato, la tecnologia cosiddetta “Full vein 3D“ - in grado di ricreare, in perfetta continuità grafica, le venature di materiali naturali, quali il marmo, sia in superficie che nel corpo della lastra - e l’avanzato sistema di induzione invisibile per la cucina “Cooking surface prime“, coperto da brevetto. Seguiranno poi azioni mirate alla valorizzazione del capitale umano.

L’organico del gruppo sarà rafforzato dall’inserimento di nuove risorse nella ricerca tecnologica, commerciale e marketing. Il reclutamento si realizzerà grazie a iniziative pensate proprio per attrarre giovani talenti. Parallelamente, Abk Group, che dalla sua fondazione, nel 1992, ha sempre promosso operazioni di crescita per linee esterne, continuerà a ricercare acquisizioni strategiche, al fine di cogliere ulteriori opportunità dal mercato su scala globale, con focus in particolare su Europa e Usa. I numeri confermano, infatti, il forte radicamento all’estero del gruppo, che vanta oltre 5mila partner commerciali in tutto il mondo ed è presente, con la propria produzione, in oltre 90 Paesi. Gli stabilimenti produttivi dedicati al gres porcellanato sono localizzati in Italia nel cuore del distretto ceramico: rispettivamente a Finale Emilia, Solignano e Spezzano, tutti nel Modenese. A questi dal 2021, si aggiunge il sito produttivo francese di Boussois, conseguente all’acquisizione del marchio Desvres.

Anche i poli logistici hanno sede a Solignano e Fiorano Modenese per il prodotto ceramico, mentre il cuore logistico del brand HardKoll è a Corigliano Calabro. Il gruppo emiliano è da tempo impegnato anche sul fronte della sostenibilità: un impegno che si traduce nel monitoraggio costante delle emissioni inquinanti, nel riciclo delle risorse (l’acqua impiegata viene totalmente riutilizzata all’interno del ciclo industriale e tutti i residui della lavorazione di smalti e materie prime sono nuovamente immessi nel ciclo produttivo) e nella riduzione dei consumi energetici attraverso dispositivi appositi di recupero termico degli impianti. Gli impianti produttivi di Solignano,ad esempio, sono oggi in grado di riconvertire i cascami termici della produzione in riscaldamento, producendo il 95% dell’energia elettrica consumata dallo stabilimento e garantendo il recupero termico con una decisa riduzione dei consumi energetici. Infine, gli impasti certificati “eco-body“, contenenti un 40% minimo di materie prime recuperate da processi di lavorazione industriale, sono presenti in diverse collezioni e contribuiscono al calcolo dei crediti utili per la valutazione di sostenibilità degli edifici.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro