Nel 2019 ha compiuto i suoi primi trent’anni. E continua, come ha fatto fin dalla nascita su iniziativa dei Comuni della Bassa Reggiana, a promuovere l’inclusione e l’integrazione sociale delle persone, dai 18 fino ai 65 anni, svantaggiate: diversamente abili, psicologicamente fragili, autistici. La cooperativa sociale Il Bettolino, sede a Reggiolo, oggi conta una sessantina di dipendenti-soci, una decina di volontari e, spiega la presidente Francesca Benelli, una settantina di ospiti per i...

Nel 2019 ha compiuto i suoi primi trent’anni. E continua, come ha fatto fin dalla nascita su iniziativa dei Comuni della Bassa Reggiana, a promuovere l’inclusione e l’integrazione sociale delle persone, dai 18 fino ai 65 anni, svantaggiate: diversamente abili, psicologicamente fragili, autistici. La cooperativa sociale Il Bettolino, sede a Reggiolo, oggi conta una sessantina di dipendenti-soci, una decina di volontari e, spiega la presidente Francesca Benelli, una settantina di ospiti per i quali favorisce l’inclusione attraverso lo sviluppo di esperienze di lavoro nei settori agricolo, industriale, commerciale e di servizi, attività di carattere educativo e socio-sanitario-assistenziale alla persona e produzione di prodotti di ottima qualità con tecniche all’avanguardia e ponendo una grande attenzione all’ambiente.

"Fin dall’inizio – aggiunge Benelli – pur essendo un ente non-profit si è pensato che fosse importante, oltre all’assistenza, avere anche un’attività imprenditoriale e commerciale". Attività che nel 2019 ha prodotto circa 3,5 milioni di euro di ricavi e un piccolo utile reinvestito nella cooperativa, con la coltivazione di basilico ed erbe aromatiche che vengono vendute a catene della Gdo e a grandi marchi del Nord Italia. Una scelta che è servita da una parte a imporre attente procedure nella produzione e nella commercializzazione, per rispondere alle esigenze dei clienti e dall’altra ad avere una elevata quantità di commesse tali da poter aumentare il lavoro sia dei dipendenti sia dei ragazzi assistiti dalla cooperativa.

Un impegno premiato con l’inserimento del Bettolino fra le dodici Imprese vincenti 2020 del settore non profit, una novità prevista quest’anno dal programma di Intesa Sanpaolo dedicato alle eccellenze imprenditoriali italiane. E ieri sera, in streaming per le restrizioni imposte dalla pandemia, c’è stata anche la presentazione della cooperativa di Reggiolo nella tappa del programma prevista per il settore del non profit.

Una grande soddisfazione, sottolinea la presidente de Il Bettolino. L’idea di partecipare al programma è nata come coronamento di anni di rapporto con Intesa Sanpaolo e Banca Prossima. "Un rapporto ottimo – conclude Francesca Benelli – perché con Intesa Sanpaolo abbiamo trovato non solo una banca che ci ha aiutato finanziariamente ma anche una banca, unica nel suo genere, capace di capire la grande realtà del Terzo Settore e collaborare insieme per sostenere e divulgare l’inclusione sociale".

Achille Perego