Lunedì 22 Luglio 2024
EMILY POMPONI
Economia

Gruppo Fs e Marcegaglia insieme per nuovi terminal e raccordi ferroviari

Firmato l’accordo per il progetto a favore di un collegamento di 11 km tra la stazione di Castellucchio e lo stabilimento Marcegaglia di Gazoldo

Roma, 21 marzo 2024 – Nuovi terminal e raccordi ferroviari nel Mantovano. Arriva l’accordo tra il Mercitalia Logistics, capofila del Polo Logistica del Gruppo Ferrovie dello Stato, Marcegaglia Carbon Steel, la divisione siderurgica dell’omonima azienda mantovana specializzata nella trasformazione dell’acciaio. Sul tavolo, oltre la gestione di un nuovo parco vagoni, anche nuove soluzioni logistiche per il trasporto su ferro dei prodotti siderurgici in entrata e in uscita dagli stabilimenti Marcegaglia. 

Il progetto

L’accordo prevede la realizzazione di un nuovo raccordo ferroviario di circa 11 km tra la stazione di Castellucchio e lo stabilimento Marcegaglia di Gazoldo degli Ippoliti, in provincia di Mantova. Successivamente, verrà costruito un nuovo terminal ferroviario a servizio della zona industriale dei comuni di Gazoldo degli Ippoliti e Rodigo. Questa infrastruttura contribuirà a incrementare l’utilizzo del trasporto su ferro, riducendo il traffico di camion sulle strade. “L’accordo con il Gruppo Marcegaglia conferma il nostro impegno per garantire servizi sempre più tailor made verso i nostri clienti e partner, anche attraverso progetti pluriennali e strutturati che possano portare valore aggiunto a tutta la catena della logistica – ha dichiarato Sabrina De Filippis, Amministratore delegato di Mercitalia Logistics –. Il nostro piano prosegue con una nuova partnership che ha valenza strategica sia per lo sviluppo economico che per la sostenibilità ambientale con grande attenzione al territorio".

Gli obiettivi

Con l’implementazione del trasporto sul ferro, l’opera infrastrutturale oggetto dell’accordo andrà a diminuire il traffico di camion sulle strade della provincia di Mantova. In ottica di una maggiore sostenibilità ambientale, il progetto vuole essere un contributo per la riduzione dei gas serra e delle altre sostanze nocive emesse nell’atmosfera dai mezzi di trasporto su gomma. Inoltre, c’è anche un discorso di maggiore sicurezza stradale: gestire il trasporto merci con un treno significa eliminare 30 camion dalla strada e dunque aumentare la sicurezza dei cittadini che si spostano in auto.