4 mag 2022

Embargo al petrolio russo entro 6 mesi, svolta Ue. Deroga per Ungheria e Slovacchia

La proposta della von der Leyen: entro sei mesi stop all'import di greggio. Sarà un'uscita "graduale e ordinata". Palla ai governi: la decisione non è prevista per oggi. Ungheria sempre contraria: "Nessuna garanzia dal governo"

Roma, 4 maggio 2022 - Embargo al petrolio russo "entro sei mesi". Ad annunciarlo è la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen all'Eurocamera. "Proponiamo un divieto del petrolio russo, un divieto totale d'importazione di tutto il petrolio russo, via mare e via oleodotto, greggio e raffinato", dice la numero uno di Bruxelles. Una mossa che si attendeva da giorni e viene ora annunciata, in termini di una road map che porterà entro la fine dell'anno a una totale indipendenza dai prodotti raffinati di Mosca. La Commissione, come da regole Ue, inoltra una proposta. Ora la palla passa nelle mani dei governi nazionali. Che, rappresentati dai loro ambasciatori in Ue, si riuniscono per trovare la soluzione più giusta per evitare un effetto boomerang sul fronte interno. Serve l'unanimità per recepire la proposta della von der Leyen. La decisione non arriverà comunque entro oggi, rivelano fonti europee. I Paesi hanno chiesto più tempo per esaminare il documento illustrato dalla presidente della Commissione. 

Ungheria e Slovacchia

Il punto di caduta per l'accordo tra gli Stati membri sarebbe la deroga per Ungheria e Slovacchia. In base alla proposta della Commissione entrambe le nazioni saranno esentate fino alla fine del 2023 dall'applicare il blocco delle importazioni di petrolio dalla Russia.  Budapest e Bratislava ritengono l'embargo troppo pesante da sopportare per chi è senza sbocco sul mare e del tutto dipendente dalle consegne dell'oleodotto Druzhba. 

Ma ancora oggi il governo ungherese resta freddo verso la proposta di embargo, seppur graduale e con deroga. Una linea che non fornisce "alcuna garanzia" per la sicurezza energetica del Paese, secondo Budapest. "Non vediamo nessuno piano su come realizzare una transizione sulla base delle proposte attuali e su cosa garantirebbe la sicurezza energetica dell'Ungheria", ha commentato il servizio stampa del governo.  La deroga però di creare un effetto domino su altri come la Bulgaria e la Repubblica Ceca, che sfiorano quasi il 100% di dipendenza dal petrolio russo.

Von der Leyen

Come spiega la von der Leyen: "Ci assicureremo di eliminare gradualmente il petrolio russo in modo ordinato, in modo da permettere a noi e ai nostri partner di assicurare vie di approvvigionamento alternative e di ridurre al minimo l'impatto sui mercati globali". E ancora: "Questo è il motivo per cui elimineremo gradualmente il greggio russo entro sei mesi e i prodotti raffinati entro la fine dell'anno". 

Lo stop all'import viene deciso per dare una spallata a Mosca. "Vogliamo che l'Ucraina vinca questa guerra. Ma vogliamo anche stabilire le condizioni per il successo dell'Ucraina all'indomani della guerra", dice. "Il primo passo è il sostegno immediato. Si tratta di un sostegno economico a breve termine per aiutare gli ucraini a far fronte alle ricadute della guerra, come facciamo con il nostro pacchetto di assistenza macrofinanziaria e con il sostegno diretto al bilancio ucraino", ricorda. "Inoltre, abbiamo recentemente proposto di sospendere tutti i dazi all'importazione sulle esportazioni ucraine nella nostra Unione per un anno", aggiunge, "e sono sicura che il Parlamento europeo darà sostegno a questa idea".

Anche perché "l'Europa ha una responsabilità molto speciale nei confronti dell'Ucraina. Con il nostro sostegno, gli ucraini possono ricostruire il loro paese. Ecco perché oggi vi propongo di iniziare a lavorare su un ambizioso pacchetto di ripresa per i nostri amici ucraini. Questo pacchetto dovrebbe portare investimenti massicci per soddisfare i bisogni e le riforme necessarie. Dovrebbe affrontare le debolezze esistenti dell'economia ucraina e porre le basi per una crescita sostenibile a lungo termine". 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?