Leonardo vuol restare protagonista del settore. Lo dice Alessandro Profumo, in audizione di fronte alla Commissione Attività produttive della Camera. Il colosso dell’aerospace, nel 2020, ha accresciuto l’organico di 350 unità, nonostante le difficoltà dovute alla pandemia, e punta a essere "il numero uno al mondo negli elicotteri e nelle soluzioni di simulazione e addestramento, il numero uno in Europa nell’Elettronica per la Difesa e punto di riferimento in Europa nel settore spazio", spiega Profumo. Che aggiunge che il debito non solo calerà ma, "con il piano al 2020-25, sarà, di fatto, azzerato".

Con Tim e Cdp, poi, è in corso "un dialogo intenso sul tema della cibersecurity. Siamo convinti di poter lavorare proprio sui servizi di trasferimento dei dati da data center tradizionali al cloud".