Nella botte piccola c'è il vino buono: origine e significato del proverbio
Nella botte piccola c'è il vino buono: origine e significato del proverbio

Il vino fa parte della cultura del nostro Paese praticamente da sempre. Il suo uso ha origini molto antiche ed è collegato anche a molti riti religiosi liturgici e pagani.  Già gli antichi romani erano grandi consumatori e amanti di questa bevanda che ancora oggi è molto amata e apprezzata, soprattutto in Italia.  Col tempo sono nati anche numerosissimi proverbi e modi di dire collegati al vino che ce ne presentano bene tutti i pregi e i difetti. Tra questi il famosissimo “Nella botte piccola c’è il vino buono”.  Ma qual è il suo significato? Chi l’ha inventato? Scopriamolo.

Significato proverbio

“Nella botte piccola c’è il vino buono”: quante volte l’amico di scarsa statura ha utilizzato questa espressione per rivendicare notevoli pregi e incredibili doti, rispondendo alle accuse e alle prese in giro dell’altro amico decisamente più alto. 

L’origine di questa massima, che ormai ha assunto una valenza principalmente metaforica, va ricercata nel suo significato letterale, nell’esperienza comune e nella saggezza popolare; in particolar modo nelle pratiche ancora in uso tra i viticoltori per la conservazione del vino.

Si usa ricordare questo proverbio, in modo consolatorio, anche alle persone di piccola statura, la quale però viene compensata da una grande bontà d’animo; probabilmente questo detto è stato aspirato a sua volta da un proverbio latino che dice “homo lungus, raro sapiens”.

Significato metaforico

“Nella botte piccola c’è il vino buono” si riferisce metaforicamente alla capacità di oggetti apparentemente insignificanti o di persone piccole di avere qualità importanti, difficili da scovare o da immaginare ad una prima e poco attenta osservazione.

L’espressione viene oggi utilizzata in una grande varietà di contesti e situazioni per la sua efficacia e per la sua capacità descrittiva: in poche parole viene racchiusa una verità o quella che chi parla considera una verità.

Significato letterale

“Nella botte piccola c’è il vino buono” si riferisce letteralmente alla tendenza dei viticoltori di conservare quella parte del vino, ritenuta migliore, in piccole botti per esaltarne sentori e profumi.

Origine proverbio

Il legno ha la capacità di donare al vino profumi eleganti e sofisticati, per cui maggiore è la superficie di contatto tra legno e vino, maggiori saranno gli aromi vanigliati e affumicati ceduti dal legno al vino stesso. 

Una scoperta che risale grosso modo intorno all’800, nonostante le botti di legno venissero utilizzate fin dall’antichità per il trasporto del vino. 

Viene spontaneo pensare, dunque, che probabilmente l’espressione “nella botte piccola c’è il vino buono” risalga, grosso modo, a questo periodo.