Giovedì 30 Maggio 2024

Valerio Catoia, il ragazzino disabile eroe che ha salvato una bimba in mare

L'applauso di Pancalli e Malagò. I complimenti di Lotti. E la storia fa il giro del web

Valerio Catoia, l'atleta che ha salvato una bimba dall'annegamento

Valerio Catoia, l'atleta che ha salvato una bimba dall'annegamento

Roma, 15 luglio 2017 - Ha fatto il giro del web la storia dell'atleta paralimpico che ha salvato una bimba che stava annegando nel mare di Sabaudia. Potenza delle storie a lieto fine. E intorno alla figura del 'salvatore', Valerio Catoia, un nuotatore con sindrome di Down, è cresciuto l'interesse per così dire istituzionale.

IL MINISTRO LOTTI - "Ho letto la storia di Valerio, un campione di generosità e coraggio - scirve su Facebook il il ministro dello Sport Luca Lotti - Ho chiamato i suoi genitori per complimentarmi personalmente, ma anche per invitare Valerio al Ministero per lo Sport, perché merita un premio speciale per quello che ha fatto. Un gesto semplice ma sincero per dirgli che è un grande esempio per tutti noi. E per regalargli una sorpresa...".

L'APPLAUSO DI PANCALLI - "Siamo orgogliosi del nostro atleta Fisdir Valerio Catoia che, a Sabaudia, con coraggio e altruismo, si è buttato in mare per salvare una bambina in difficoltà. Si tratta di una delle tante straordinarie storie che vedono protagonisti gli atleti paralimpici, spesso capaci di azioni di grande valore etico e sociale. Valerio Catoia ha compiuto un gesto esemplare che conferma quanto sia importante essere campioni nello sport e nella vita. A lui va il ringraziamento di tutto il nostro movimento", dichiara da parte sua Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paralimpico.

MALAGO' -  "Il campione e la bimba: storia di Valerio Catoia, un eroe coraggioso, più forte del mare, più forte di tutto", è il tweet quasi poetico del presidente del Coni, Giovanni Malagò.

LA VICENDA - Mercoledì scorso Catoia, che milita nella Polisportiva Hyperion, stava facendo il bagno insieme alla sorella e al padre quando ha sentito il richiamo di aiuto di due bambine che, giocando con il cavalloni, si era spinte al largo, senza riuscire a tornare a riva.  Valerio Catoia, insieme al padre, si è lanciato a nuoto, traendo in salvo le due ragazzine. Da segnalare che l'atleta oltre a nuotare in piscina conquistando medaglie, ha anche partecipato ad un corso di nuoto di salvamento.