Vaccini Covid: la copertura
Vaccini Covid: la copertura

Roma, 4 maggio 2021 - Pfizer, Moderna, AstraZeneca, Johnson & Johnson: sono questi i 4 vaccini sui quali si basa la campagna vaccinale anti Covid in Italia (qui la dashboard dei vaccinati in Italia in tempo reale). La domanda che tutti ci facciamo è senza dubbio questa: quando scatta la copertura completa? Dopo quanto tempo dall'iniezione, cioè, possiamo sentirci protetti contro il virus? Dipende dal tipo di vaccino che ci hanno somministrato. Ecco una mini guida basta sulle Faq dell'Aifa (l'Agenzia italiana per il farmaco). Ricordiamo che i 4 vaccini rientrano in due categorie: vaccini a Rna messaggero (Pfizer e Moderna), vaccini a vettore virale (AstraZeneca e Johnson & Johnson).

Vaccino Covid: dopo quanti giorni dalla prima dose si è protetti e quanto

Effetti collaterali vaccino: da AstraZeneca a Pfizer. Cosa può succedere

Seconda dose vaccino, da AstraZeneca a Pfizer: dopo quanto si fa regione per regione

 

Seconda dose Astrazeneca: cosa succede dopo stop Ue a rinnovo contratto

Pfizer

Il vaccino della Pfizer (Comirnaty) viene somministrato in due dosi (il richiamo dopo 21 giorni dalla prima dose) ed è considerato efficace con una percentuale del 95%. Alla domanda se la protezione è efficace subito dopo l'iniezione, l'Aifa risponde con nettezza: "No, l’efficacia è stata dimostrata dopo una settimana dalla seconda dose". C'è da dire che ci si riferisce alla protezione completa. Mentre un certo grado di protezione viene riconosciuta da molti scienziati anche dopo la prima.

Vaccino Pfizer monodose: via allo studio

Spostamenti vacanze: ecco le regole anti Covid

Moderna

Anche il vaccino di Moderna (COVID-19 Vaccine Moderna mRNA -1273) viene somministrato in due dosi (il richiamo dopo 28 giorni dalla prima dose). Gli studi hanno dimostrato un'efficacia pari a circa il 94%. Per quanto riguarda la protezione completa, l'Aifa ci dice che si raggiunge due settimane dopo la seconda dose.

Coprifuoco: si guarda al 16 maggio

AstraZeneca

Il vaccino di AstraZeneca (Vaxzevria), ora. Questo siero richiede due iniezioni: il richiamo va fatto "nel corso della dodicesima settimana e comunque a una distanza di almeno dieci settimane dalla prima dose". Per quanto riguarda la protezione, la risposta di Aifa è più articolata: "La protezione inizia da circa 3 settimane dopo la somministrazione della prima dose di Vaxzevria e persiste fino a 12 settimane. Tuttavia, fino a 15 giorni dopo la somministrazione della seconda dose la protezione potrebbe essere incompleta. Inoltre, come accade con tutti i vaccini, anche la vaccinazione con Vaxzevria potrebbe non proteggere tutti i soggetti vaccinati".

Rsa e visite parenti: via libera entro maggio

Johnson & Johnson

Chiudiamo la nostra guida con Johnson & Johnson (Janssen). La novità è che per questo vaccino basta una sola dose. "L’efficacia vaccinale di COVID-19 Vaccine Janssen è risultata - scrive l'Aifa - pari al 66,9% nel prevenire la malattia COVID-19 sintomatica da moderata a grave/critica. Il risultato include le persone di età uguale o superiore ai 60 anni". Per quanto riguarda invece il tempo necessario per la protezione, Aifa ci dice che la protezione inizia circa 14 giorni dopo la vaccinazione.

Sicilia vaccini: ok a over 50. Da venerdì dai 18 in su sulle isole minori

Vaccino Johnson & Johnson in Italia: a chi spetta e quando si è protetti

Leggi anche: Colori regioni: la zona gialla domina. Ecco chi cambia

Chiara Ferragni si vaccina. L'invito ai fan: "Fatelo tutti"