Il quartier generale della Pfizer a New York (Ansa)
Il quartier generale della Pfizer a New York (Ansa)

Roma, 5 maggio 2021 - Anche il vaccino Pfizer presto potrebbe essere somministrato con una sola dose anziché le due attualmente previste. L'azienda produttrice del siero infatti sta appunto studiando anche il vaccino anti-Covid monodose, "che potrebbe essere più maneggevole e quindi più facilmente somministrabile". Lo ha spiegato Valentina Marino, direttrice medica di Pfizer Italia, ospite a questa mattina a 'Che giorno è' su Rai Radio 1.

Vaccini Pfizer e Moderna: seconda dose può slittare. Cts: "Richiamo a 42 giorni"

Coprifuoco eliminato? Di Maio: "Stiamo lavorando"

Attualmente dei quattro vaccini autorizzati da Ema e Aifa (le agenzia europea ed italiana per i farmaci) - Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Johnson & Johnson - soltanto quello di Johnson & Johnson prevede una sola somministrazione con evidente vantaggio nella gestione della campagna vaccinale. Gli altri tre invece richiedono prima dose e richiamo per poter garantire una copertura completa contro il Coronavirus (qui vi spieghiamo i tempi per ogni vaccino). E' di intuitiva evidenza che con due vaccini monodose si potrebbe velocizzare di molto la campagna.

Vaccini Covid in Italia: la dasboard in tempo reale

Astrazeneca: a chi è destinato il vaccino. Le raccomandazioni sulla seconda dose

"Entro metà luglio morti quasi azzerati"

Pfizer per i ragazzi

Marino ha poi fornito un'altra informazione importante e riguarda la possibile vaccinazione degli adolescenti. Il vaccino Pfizer per i ragazzi  - ha detto Marino - è esattamente lo stesso di quello somministrato in fasce di età più alta. Nei soggetti di 12-15 anni che hanno partecipato allo studio di Fase 3 si sono visti risultati molto promettenti, con un'efficacia del 100% e una risposta anticorpale molto robusta, superiore a quella della fascia 16-25 anni".

Covid, il bollettino con i dati sui contagi del 5 maggio

Ma Pfizer va più in là. "A breve partirà uno studio" per la somministrazione del vaccino Pfizer "nella fascia di età 5-11 anni, subito dopo dai 2 ai 5 anni e infine da 6 mesi a 2 anni. Quindi c'è un piano di sviluppo per arrivare a poterli somministrare fino a 6 mesi di vita. I risultati per le fasce dei più piccoli li avremo entro un anno".

Isole Covid free: il piano per i vaccini