Roma, 5 maggio 2021 - Un piano per le isole minori Covid free è sul tavolo del generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario per l'emergenza Covid, e oggi ci sarà una riunione con governo e ANCIM (L'associazione che riunisce i Comuni delle isole minori). In Sicilia il governatore Nello Musumeci ha dato una spallata, annunciando la vaccinazione di massa da venerdì nelle isole Lampedusa, Linosa e Salina. Ma quello che sembrava una fuga in avanti dal piano di Figliuolo, invece ha trovato la risposta che cercava da parte del commissario: "Ho sentito il generale Figliuolo che mi ha assicurato il varo di un Piano, nelle prossime ore, proprio per le isole minori" ha detto Musumeci. Sempre in Sicilia seguiranno dal 10 maggio le restanti isole, con ordine legato alla minore densità di popolazione: in totale 15 isole.

Sicilia vaccini: ok a over 50. Da venerdì somministrazione di massa sulle isole minori

Vaccino Pfizer monodose: via allo studio

E visto che il premier Draghi ha invitato a prenotare le vacanze in Italia, e il green pass è in arrivo, a livello nazionale dalla seconda metà di maggio, a livello europeo invece circa un mese dopo, per rilanciare il turismo e riaprirsi al mondo la scelta di vaccinare in massa la popolazione delle isole minori, dalle Eolie alle Egadi, dalle Tremiti alle Pontine, dal Giglio a San Pietro fino a Capri, Ischia e Procida, sembra la soluzione vincente. 

Green pass Italia ed europeo: come funziona e come ottenerlo

Coprifuoco eliminato? Di Maio: "Ci stiamo lavorando"

Campania e Sicilia, hanno già iniziato o stanno per iniziare, e Figliuolo ha dovuto correggere il tiro, dal suo ufficio hanno spiegato: "Nel contesto della campagna vaccinale, verrà data massima attenzione anche alla messa in sicurezza degli abitanti delle isole minori. Il tema sarà affrontato domani mattina (stamattina ndr) dal Commissario straordinario nel corso di una conferenza organizzata dal Governo, cui parteciperanno l'ANCIM, l'associazione che riunisce i Comuni delle isole minori, insieme ai rappresentanti di altre isole. Tra le ipotesi di lavoro figura la possibilità di effettuare la vaccinazione di massa per mettere in sicurezza le isole minori, partendo da quelle che possono presentare una particolare esposizione al rischio epidemiologico e che non sempre sono provviste di presidi sanitari adeguati". Alla riunione parteciperà anche il ministro degli Affari Regionali Mariastella Gelmini.

Regole per i viaggi: la Ue allarga le maglie

Bollettino: i dati sul Coronavirus del 5 maggio

image

Riunione per isole Covid free: ok vaccinazione di massa

Nella riunione con i sindaci delle isole minori il tema principale è stata la campagna vaccinale ed "in tale ambito si procederà con le vaccinazioni di massa con il supporto della Difesa e Protezione Civile". La struttura commissariale all'emergenza ha chirito "il criterio di priorità sarà quello di vaccinare progressivamente partendo dalle isole che hanno maggiori fragilità in termini di rischio epidemiologico e carenza di adeguati presidi sanitari".

Alla riunione partecipavano i sindaci dei Comuni delle isole minori, i ministri Gelmini, Speranza, Garavaglia, Cingolani, Carfagna, il commissario all'emergenza Covid Figliuolo e il capo della Protezione civile Curcio. Su 40 Comuni delle isole minori, 35 sono stati rappresentati dall'Ancim (Associazione Nazionale Comuni Isole Minori).

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante la videoconferenza, ha assicurato i comuni delle isole minori: "Siamo impegnati ad accelerare la campagna vaccinale e, in coordinamento con gli altri Paesi europei, a introdurre il 'pass verde' che sarà un importante strumento per riprendere la circolazione e il turismo in sicurezza". 

Mentre il ministro per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini ha sottolineato: "La realtà delle isole minori, benchè geograficamente e demograficamente poco estesa, è molto importante sotto numerosi punti di vista". La Gelmini, durante l'incontro, ha aggiunto: "Molto spesso sono fra i luoghi simbolo del nostro Paese, in Italia e all'estero. Esse rappresentano un patrimonio storico, paesaggistico e ambientale inestimabile, non solo dal punto di vista del turismo, ma anche sul versante della cultura".

Anche il ministro per gli Affari regionali ha parlato della novità in arrivo per gli spostamenti: ''Il cosiddetto green pass sarà una grande occasione per tutto il Paese e anche per le isole minori. Il turismo per tante realtà, e soprattutto per voi, è la chiave per la ripartenza. Bene ha fatto il premier Draghi a dare una prospettiva per i prossimi mesi, e il governo è impegnato per dare attuazione a questo importante progetto. E mai come quest'anno andrà promosso il turismo in Italia''. 

La Gelmini ha comuque ribadito, intervistata su Sky, a fine riunione: "E' stata anche l'occasione per ribadire il rispetto assoluto delle priorità vaccinali, categorie fragili e over 80, ma la campagna prosegue spedita, 15 milioni di italiani hanno avuto almeno una dose di vaccino, è molto importante. Contiamo in due settimane di completare la vaccinazione delle categorie più fragili".

Procida, la prima Covid-free

Procida è la prima isola italiana ad aver completato la vaccinazione della popolazione residente. La campagna era cominciata mercoledì 28 aprile ed è terminata il 2 maggio. Hanno aderito il 92% della popolazione, e l'elevata adesione, secondo l'Asl Napoli 2 Nord, "permette di guardare con ottimismo alla riduzione del rischio di contagio sull'isola e quindi ad una più agevole gestione dei pazienti Covid-19". Ischia ha seguito l'esempio e da ieri ha intensificato la campagna vaccinale. 

Salina

A Salina circa 1400 le persone saranno vaccinate nell'ambito della campagna di massa per le isole minori. Si partirà venerdì, in contemporanea con Lampedusa e Linosa. "Verranno vaccinati tutti i cittadini, dai 18 anni in su senza prenotazione e senza target", ha spiegato  il commissario Covid a Messina, Alberto Firenze: "Avremo la collaborazione del ministero della Difesa, che ci supporterà con proprio personale". Poi nelle altre isole dell'arcipelago delle Eolie "si dovrebbe cominciare domenica, al massimo lunedì: Alicudi, Filicudi, Stromboli, Vulcano, quindi Panarea e chiuderemo con Lipari che ha il maggior numero di residenti". Firenze poi ha indicato i tempi per il target: "L'obiettivo è di fare in modo di avere le Eolie Covid free in quindici giorni".

Lampedusa

Totò Martello, sindaco di Lampedusa è critico: "Lo 'strappo' di Musumeci? Arriva in ritardo, soprattutto perché la vaccinazione di massa a Lampedusa era stata concordata con lui già parecchie settimane fa". "Qui non si tratta di salvare la stagione turistica. E' una questione di tutela della salute pubblica. La popolazione di Lampedusa ha un'assistenza sanitaria deficitaria, non c'è un ospedale e per arrivare a Porto Empedocle servono 8 ore di nave. L'alternativa è usare l'elisoccorso, ma se a essere trasportato è un malato Covid la tenda di biocontenimento non permette di trasferirne più di uno alla volta". Inoltre "Lampedusa è un'isola di frontiera". Con il via libera alla vaccinazione di massa "si può pensare a programmare la stagione turistica, anche se l'incertezza di queste settimane e l'assenza di regole hanno già prodotto i loro effetti": zero prenotazioni.

Pantelleria

"Le isole minori diventano Covid free? Finalmente direi. Sono contento, ma siamo decisamente in ritardo", ha commentato il sindaco di Pantelleria, Vincenzo Campo. Ma anche Campo pensa che la decisione doveva essere presa "settimane fa".  "C'è stata un'inutile strumentalizzazione con le barricate del presidente della Regione Emilia Romagna Bonaccini, ma la questione non è favorire la stagione turistica di alcune località a discapito di altre. In questo momento la tutela della salute viene prima di tutto e gli abitanti delle isole minori sono tutti fragili. La vaccinazione capillare qui è un obbligo". A Pantelleria su 7.600 abitanti già 1.500 sono stati vaccinati. "Togliendo i target a cui non spetta restano circa 4mila persone da vaccinare", ha spiegato il primo cittadino.

Ustica 

"Un'ottima notizia. Anzi, direi che siamo in ritardo", contento ma anche lui critico il sindaco di Ustica (Palermo), Salvatore Militello, dopo l'annuncio del governatore Nello Musumeci. A Ustica il via è previsto per il 13 maggio, quando riceveranno la dose i circa 400 abitanti ancora non vaccinati. Per effettuare le somministrazioni sarà allestita una palestra scolastica. Il sindaco poi rivendica: "Noi siamo stati forse la prima isola italiana a raggiungere il target del 98 per cento di anziani e fragili già vaccinati intorno al 15 aprile". Di fatto la piccola isola del Palermitano è già Covid free: "Nessun caso da tempo, ieri un pre-allarme per un bambino che frequenta la scuola a Palermo. Un suo compagno è risultato positivo ma il tampone sul piccolo ha dato esito negativo". La stagione turistica? "Qualche prenotazione c'è, ma l'incertezza sulle regole non aiuta. Molti aspettano". 

Lipari

"Aspettavamo il via libera con impazienza. Siamo pronti da tempo ed eravamo certi che sarebbe arrivata questa disponibilità. Ringraziamo il presidente Musumeci", sono le considerazioni di Marco Giorgianni, sindaco del Comune di Lipari, che comprende sei delle sette isole Eolie. L'ok di Musumeci alla vaccinazione di massa negli arcipelaghi siciliani è un traguardo per cui il primo cittadino lotta da settimane.  "L'aspetto economico per me è sempre stato secondario, la richiesta della vaccinazione diffusa ha un altro obiettivo: garantire ai residenti delle isole Eolie la stessa sicurezza in termini di tutela della salute del resto degli italiani. A Filicudi, Alicudi, Panarea, Stromboli c'è solo una guardia medica. Così se un positivo con sintomi ha bisogno di cure ospedaliere l'unica possibilità è trasferirlo a bordo di una nave o di un elicottero".

image

Contagi all'aperto: è facile o no? I pareri di Galli e Bassetti

Rsa e visite parenti: via libera entro maggio