Giovedì 18 Aprile 2024

Torino: doppio trapianto record alle Molinette, il paziente: “Sono rinato, l’alternativa era la morte certa”

Il 56enne diventato uomo simbolo: “L’unico problema me lo dà un ginocchio rotto per una caduta che non c’entra nulla con l’intervento. Senza mia moglie e mia figlia non sarei qui”

Doppio trapianto record alle Molinette salva la vita a un 56enne

Doppio trapianto record alle Molinette salva la vita a un 56enne

Torino, 17 febbraio 2024 – Un doppio trapianto le ha salvato la vita, lei è diventato l’uomo dei record a 56 anni. Prima di tutto, come sta?

"Sto bene, ho solo il problema del ginocchio destro rotto che non c’entra niente con l’operazione, è successo poche settimane prima, colpa di una caduta. Sul doppio trapianto, niente da dire”. Il paziente 56enne operato a Torino risponde al telefono da casa.

Torino, doppio trapianto record alle Molinette salva la vita a un 56enne
Torino, doppio trapianto record alle Molinette salva la vita a un 56enne

E’ stato coraggioso, ad affrontare questo lungo percorso di 120 giorni.

"L’alternativa era la morte. Invece sono rinato”. La voce s’incrina: “Ho scelto di poter veder crescere mia figlia. Se non mi operavo, me ne sarei andato in orizzontale”. 

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn

Riesce ad essere anche ironico.

"E’ una difesa. Comunque sono un pioniere, sono sempre stato per il futuro. Qualcuno deve pur iniziare”. Chi l’ha aiutata in questi mesi?

"Se non fosse stato per mia moglie e mia figlia non sarei qui”.

Quali rinunce deve fare oggi?

"Devo stare a dieta, non posso mangiare alcuni cibi, devo pesare tutto. Ma ripeto: l’alternativa era la morte”. Ride: “Alla fine posso consigliarlo. Questa mi è venuta così”. Chapeau.