Venerdì 14 Giugno 2024
RITA BARTOLOMEI
Scomparsi

Natascha Kampusch cosa fa oggi? La ‘schiava’ di Vienna e i punti mai chiariti della storia

Il caso fece il giro del mondo. Gli otto anni da rapita, la prigione sotterranea nella cantina e la fuga del 23 agosto 2006

Vienna, 16 agosto 2023 - Natascha Kampusch, 35 anni, oggi è una scrittrice affermata. Il 23 agosto 2006 da Vienna la sua storia fece il giro del mondo. Natasha raccontò di essere fuggita dal suo rapitore-aguzzino, Wolfang Prikopil, che morì quello stesso giorno.

L’uomo, 36 anni, tecnico elettronico ossessionato da Hitler, dalle pulizie e dalla magrezza, l’aveva rapita il 2 marzo 1988 mentre andava a scuola. E ne aveva fatto la sua schiava, anche sessuale.

Approfondisci:

Roberta Bruzzone sui bambini scomparsi: le indagini e cosa bisogna fare subito

Roberta Bruzzone sui bambini scomparsi: le indagini e cosa bisogna fare subito

La storia di Natascha Kampusch

Natasha ha svelato di essere stata tenuta segregata e schiava in quegli 8 anni, quando ormai tutti la davano per morta. Il suo mondo: una prigione sotterranea, una stanza di 3 metri per 4, l’accesso ricavato sotto il garage nella casa del suo rapitore.

I lunghi capelli chiari, il viso sorridente, lo sguardo sicuro: così appare oggi nelle foto l’ex bambina, che è stata anche presentatrice tv. Ha ereditato come ’risarcimento’ la casa dell’orrore, e ne paga ancora le bollette.

Approfondisci:

Storia di Bobo, il boxer cieco che fiuta le persone scomparse. L’istruttore: “Ecco cosa imparo dai miei cani”

Storia di Bobo, il boxer cieco che fiuta le persone scomparse. L’istruttore: “Ecco cosa imparo dai miei cani”

Natascha e il cyberbullismo

Ma il suo calvario non è finito 17 anni fa. Perché dopo la prima ondata di solidarietà internazionale, Natascha è stata presa di mira sulla Rete. Al cyberbullismo ha dedicato un libro, pubblicato nel 2019. Prima aveva scritto “3096 giorni“ - la sua opera più famosa, quel numero lo ricorderà per sempre perché è la durata della sua prigionia -, e “Dieci anni di libertà”. La sua storia è stata raccontata in film e documentari.

Natasha Kampusch il giorno della fuga, il 23 agosto 2006. Nel riquadro, una sua foto recente
Natasha Kampusch il giorno della fuga, il 23 agosto 2006. Nel riquadro, una sua foto recente
Approfondisci:

Da Ylenia Carrisi a Levi Davis: gli avvistamenti in riva all’acqua, i corpi mai più ritrovati

Da Ylenia Carrisi a Levi Davis: gli avvistamenti in riva all’acqua, i corpi mai più ritrovati

La persecuzione in Rete

"Muori, perché non torni in cantina e ci resti”. “Perché non sia fuggita prima dalla cantina”. Questi alcuni dei messaggi con cui gli haters hanno bersagliato Natascha. E lei ha confidato nelle interviste di aver avuto paura anche ad uscire di casa. Insomma paradossalmente è stato come rivivere un incubo, la vita nella stanza insonorizzata e senza finestre, invisibile agli occhi del mondo.

Approfondisci:

Emile scomparso a Vernet (Francia): con chi era quel pomeriggio? Le ultime notizie

Emile scomparso a Vernet (Francia): con chi era quel pomeriggio? Le ultime notizie

I punti da chiarire

Nel corso degli anni, le indagini hanno cercato di fare luce su alcuni aspetti che erano rimasti in ombra in questa storia incredibile. “Mi ha dato poco da mangiare, mi ha umiliato, mi ha lasciato fare lavori pesanti, mi ha rasato la testa, ammirava Adolf Hitler e voleva che mi sentissi come le vittime naziste”, ha raccontato Natascha in una delle ultime interviste. Wolfang Prikopil con il tempo le aveva concesso alcune ’licenze’, come quella di lasciare la ’cantina’ e di salire in casa, soprattutto per fare le pulizie. Ma davvero l’uomo ha fatto tutto da solo? Il rapimento di Natascha in origine era su ‘commissione? Domande che ancora oggi restano senza risposta.