Saldi estivi (Newpress)
Saldi estivi (Newpress)

Milano, 24 giugno 2019 - Il conto alla rovescia è partito: ai saldi estivi 2019 mancano pochi giorni e gli amanti dello shopping - ma anche chi è a caccia dell'affare - non stanno nella pelle. Quest'anno però tanti negozi hanno già dato il via agli sconti, senza aspettare le date ufficiali, a causa del maltempo di maggio che ha messo le vendite ko (approfondiremo sotto). Quindi, tanto vale iniziare a fare un giro per scovare i primi acquisti a prezzi ribassati. Ma se invece si vuole andare sul sicuro e attendere la data d'inizio ufficiale, ecco qua il calendario regione per regione dei saldi, con date d'inizio ma anche di fine (per i ritardatari). Si parte il 29 giugno con la Campania. A seguire Sicilia e Liguria l'1 luglio e la Basilicata il 2. Dal 5 luglio i ribassi inizieranno nella Provincia autonoma di Bolzano e poi il 6 arrivano tutte le altre.

Saldi estivi 2019, si parte. I consigli per i consumatori

Abruzzo: dal 6 luglio al 29 agosto

Basilicata: dal 2 luglio al 2 settembre

Calabria: dal 29 giugno al 1 settembre

Campania: dal 6 luglio al 30 agosto

Emilia Romagna: dal 6 luglio al 30 agosto

Friuli-Venezia Giulia: dal 6 luglio al 30 settembre

Lazio: dal 6 luglio al 15 agosto

Liguria: dal 1° luglio al 14 agosto

Lombardia: dal 6 luglio al 30 agosto

Marche: dal 6 luglio al 1° settembre

Molise: dal 6 luglio al 30 agosto

Piemonte: dal 6 luglio al 26 agosto

Puglia: dal 6 luglio al 15 settembre

Sardegna: dal 6 luglio al al 30 agosto

Sicilia: dal 1° luglio al 15 settembre

Toscana: dal 6 luglio al 30 agosto

Umbria: dal 6 luglio al 30 agosto

Valle d’Aosta: dal 6 luglio al 20 agosto

Veneto: dal 6 luglio al 31 agosto

Provincia autonoma di Bolzano: dal 5 luglio al 17 agosto

 

Partenza anticipata per colpa del maltempo

"Il maltempo di maggio ha fatto iniziare con largo anticipo gli sconti di fine stagione in tutta Italia". La segnalazione è arrivata dal Codacons, che ha sottolineato come "il meteo pazzo di maggio abbia letteralmente affossato le vendite nel settore del commercio, facendo crollare gli acquisti nel comparto dell'abbigliamento e delle calzature". "Il maltempo che tra aprile e maggio ha imperversato in diverse zone del paese ha avuto effetti diretti sulle abitudini di acquisto dei consumatori - spiega il presidente Carlo Rienzi - La stagione estiva, infatti, è partita con evidente ritardo a causa del meteo, spingendo le famiglie a rimandare gli acquisti di nuovi capi di vestiario e calzature adatte ai mesi più caldi. Ciò ha comportato una contrazione delle vendite e una riduzione del giro d'affari per i negozianti attorno al -30% rispetto alla media nazionale del periodo, con punte più elevate nel nord Italia".

"Proprio per far fronte all'elevato calo delle vendite in tutta Italia sono di fatto già partiti i saldi estivi - prosegue il Codacons -, con numerosi negozi e catene commerciali che hanno anticipato gli sconti attraverso promozioni speciali e svendite - segnala il Codacons - Un fenomeno che dimostra ancora di più come la legge sui saldi di fine stagione vada abolita, lasciando ai commercianti la facoltà di scegliere come e quando scontare la propria merce, a seconda di fattori e variabili che cambiano di periodo in periodo e di zona in zona, e incrementando occasioni come il 'Black Friday'".