17 gen 2022

Risse da Bronx, guerrieri della notte a 13 anni

Torino, 200 giovanissimi si fronteggiano: bloccati dai carabinieri. A Milano vigile pestato da ragazzini, parte un colpo di pistola

Un’immagine della pellicola cult ’I guerrieri della notte’, uscito nel ’79
Un’immagine della pellicola cult ’I guerrieri della notte’, uscito nel ’79
Un’immagine della pellicola cult ’I guerrieri della notte’, uscito nel ’79

TORINO Si sono dati appuntamento sui social per massacrarsi di botte. Un vero e proprio regolamento di conti che poteva sfociare in guerriglia urbana, con duecento minorenni, italiani e stranieri tra i 13 e i 16 anni, a fronteggiarsi in una maxi rissa. Scene da ‘I guerrieri della notte’, il celebre film ispirato dall’omonimo romanzo scritto da Sol Yurick, o da ’Gangs of New York’, la pellicola altrettanto famosa di Martin Scorsese. Solo che questa volta sarebbe stato tutto vero se i carabinieri non fossero intervenuti per tempo ad evitare gli scontri: due i feriti lievi nel fuggi fuggi generale. Una cinquantina i giovanissimi identificati dai militari dell’Arma a Nichelino, comune alle porte di Torino scelto come campo di battaglia. A fronteggiarsi nel parcheggio della Coop – dove già un anno fa si era registrata una rissa tra giovanissimi, anche se allora le dimensioni del contendere erano decisamente ridotte – due gruppi, il cappuccio delle felpe sulla testa, giacche scure e andamento molleggiato che fa tanto Bronx. Da una parte un’ottantina di giovanissimi del posto, dall’altra un centinaio di coetanei, nordafricani o figli di seconda generazione arrivati in autobus da Barriera di Milano, quartiere della periferia nord di Torino. Il tam tam sui social, una moda ormai diffusa tra gli hooligan dell’Europa dell’Est come tra le gang straniere e sempre più spesso anche tra gli adolescenti italiani. Per alcuni un effetto delle limitazioni anti-Covid, anche se i primi casi si sono manifestati già prima della pandemia, le piazze delle città italiane trasformate in ring per sfogare i propri istinti. I carabinieri stanno indagando sui motivi della resa dei conti, ma come negli altri casi le ragioni della violenza non sono tanto nobili. All’origine del ‘puntello’, come nel gergo degli ultrà viene chiamato questo genere di rissa, sembra ci fosse uno sgarro ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?