Carabinieri, foto generica (Ansa)
Carabinieri, foto generica (Ansa)

Saluzzo (Cuneo), 21 marzo 2021 - In un'escalation di violenza e furore, un operaio ha prima ucciso la madre pensionata a martellate, poi con un coltello si è accanito sul cane di famiglia e infine si è gettato dal balcone di casa al quarto piano in centro a Saluzzo, morendo sul colpo. 
L'omicidio-suicidio choc è andato in scena nel pomeriggio di oggi. I vicini di casa, stranamente, non hanno sentito litigi o urla, e nell'abitazione teatro della tragedia non sono stati trovavi bigliettini o messaggi che spiegassero i motivi dell'accaduto. Protagonista della mattanza, un operaio di 48 anni, dipendente di un'azienda di Piasco (Cuneo). L'uomo pare avesse problemi psichiatrici. La vittima è la madre pensionata di 81 anni, che abitava con lui nella casa di corso Roma, nel centro della cittadina. 
L'operaio forse l'ha uccisa mentre dormiva, nella camera da letto, con un martello e si ha rivolto la sua furia contro il cane, accoltellandolo nel soggiorno dalla casa. Senza un grido, l'uomo si è poi si è lanciato nel vuoto. Ad allertare i carabinieri sono stati alcuni passanti che hanno visto l'operaio precipitare dal balcone. Sull'omicidio-suicidio indaga la Procura di Cuneo che ha aperto un fascicolo, curato dal sostituto procuratore Alberto Braghin.