Sabato 25 Maggio 2024

Morbillo, boom di infezioni in Europa: casi aumentati di 60 volte nel 2023. L’Oms: “Quasi 2 milioni di bambini non vaccinati in tre anni”

La direttrice dell’Ecdc Andrea Ammon: “È scoraggiante affrontare focolai di malattie prevenibili con il vaccino”. In crescita anche i casi di pertosse

Milano, 22 aprile 2024 – “Negli ultimi tre anni, più di 1,8 milioni di bambini nella regione europea dell'Oms non hanno potuto vaccinarsi contro il morbillo. La conseguenza di ciò è un aumento di 60 volte del numero di casi di morbillo nel 2023 rispetto al 2022”. È quanto si legge in una dichiarazione congiunta della Commissione Europea, dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e dell'Unicef in occasione della European Immunization Week 2024.

Aumentano i casi di morbillo in Europa
Aumentano i casi di morbillo in Europa
Approfondisci:

Bassetti: “L’epidemia di morbillo è partita. Il peggio arriverà in estate”

Bassetti: “L’epidemia di morbillo è partita. Il peggio arriverà in estate”

“La nostra determinazione a garantire i benefici della vaccinazione a tutti e ovunque non deve vacillare", continuano le tre istituzioni internazionali. Che aggiungono: “Insieme, continueremo ad aumentare la consapevolezza sui benefici della vaccinazione e ad aumentare la fiducia nei vaccini per sostenere la domanda pubblica di vaccini ora e in futuro. Allo stesso tempo, continuiamo a contribuire a garantire che i sistemi sanitari siano adeguatamente preparati per qualsiasi epidemia e futura pandemia”.

Approfondisci:

Morbillo, allarme in Europa. L’esperta: perché è tornato e quali conseguenze può provocare

Morbillo, allarme in Europa. L’esperta: perché è tornato e quali conseguenze può provocare

A snocciolare i numeri sulla situazione in Europa è lo European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc): tra marzo 2023 e febbraio 2024 sono stati registrati 5.770 casi di morbillo e almeno 5 decessi. Nello stesso periodo, inoltre, è segnalato un aumento di 10 volte dei casi di pertosse rispetto ai due anni precedenti.

“È scoraggiante vedere che, nonostante decenni di progressi ben documentati nella sicurezza ed efficacia dei vaccini, nei Paesi dell'Ue e dello Spazio Economico Europeo e a livello globale si affrontino ancora focolai di diverse malattie prevenibili con il vaccino”, ha detto in una nota la direttrice dell'Ecdc Andrea Ammon.

L'agenzia europea ha ricordato che a correre i maggiori rischi, sia per il morbillo sia per la pertosse, sono i bambini con meno di un anno di età, ancora troppo piccoli per essere completamente protetti dal vaccino. Nel caso del morbillo, è essenziale il ruolo dell'immunità di gregge. “Il morbillo si diffonde molto facilmente, quindi, un'alta copertura vaccinale, di almeno il 95% della popolazione vaccinata con due dosi, è essenziale per interrompere la trasmissione”, spiega l'Ecdc.

Per quanto riguarda la pertosse, "per proteggere al meglio i bimbi, è essenziale essere sicuri che tutti i vaccini raccomandati contro la pertosse siano somministrati in tempo. È importante anche la vaccinazione durante la gravidanza”, conclude l'agenzia europea.