Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
2 gen 2022

La lezione di Mattarella ai No vax "Fiducia nella scienza: vaccinatevi"

Il congedo del Capo dello Stato che elogia gli italiani responsabili ed esorta i giovani: voi siete il presente

2 gen 2022
raffaele marmo
Cronaca
Il Capo dello Stato Sergio Mattarella, classe 1941, pronuncia il discorso di fine anno
Il Capo dello Stato Sergio Mattarella, classe 1941, pronuncia il discorso di fine anno
Il Capo dello Stato Sergio Mattarella, classe 1941, pronuncia il discorso di fine anno
Il Capo dello Stato Sergio Mattarella, classe 1941, pronuncia il discorso di fine anno
Il Capo dello Stato Sergio Mattarella, classe 1941, pronuncia il discorso di fine anno
Il Capo dello Stato Sergio Mattarella, classe 1941, pronuncia il discorso di fine anno

di Raffaele Marmo L’"urgenza morale" di quello che è il testamento istituzionale del Presidente non è la politica. L’"urgenza" dell’ultimo discorso di Sergio Mattarella dal Quirinale è la riaffermazione solenne e finale, contro tutte le tendenze No Vax di varia natura e provenienza, del valore della scienza e del vaccino come unica e fondata via per uscire dalla pandemia, insieme con il riconoscimento dell’esempio (il professor Pietro Carmina di Ravanusa, i medici, i sanitari, i volontari) come benchmark etico al quale una comunità nazionale e "patriottica" deve e può ispirarsi nell’opera di "ricostruzione" del Paese. Innanzitutto per le giovani generazioni. Certo, la politica, intesa anch’essa come lezione "alta" attinta dai riferimenti costituzionali di una vita e raffinata dall’esperienza di sette, complessi e travagliati, anni di presidenza, non manca. Da qui l’indicazione duplice che il Capo dello Stato, sgombrato il campo, come fosse un fastidio, dal nodo di una sua disponibilità alla rielezione, sente di dover trasmettere al suo successore: "Spogliarsi di ogni precedente appartenenza e farsi carico esclusivamente dell’interesse generale. E poi salvaguardare ruolo, poteri e prerogative dell’istituzione che riceve dal suo predecessore e che – esercitandoli pienamente fino all’ultimo giorno del suo mandato – deve trasmettere integri al suo successore". Ma, appena il tempo di uno stacco, e Mattarella, in piedi a sottolineare, forse, la prossima uscita di scena, evoca e delinea, con nettezza e profondità, l’"urgenza" che più gli sta a cuore. E così, senza citare i No Vax, incalza, elogiando "i meriti di chi, fidandosi della scienza e delle istituzioni, ha adottato le precauzioni raccomandate e ha scelto di vaccinarsi: la quasi totalità degli italiani, che voglio, ancora una volta, ringraziare per la maturità e per il senso di responsabilità dimostrati". Fiducia nella scienza, dunque, ma anche condanna dura e secca degli atteggiamenti di chi mette in discussione la sola, vera, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?