Mercoledì 17 Aprile 2024

Interazione più vicina. Arriva Emo il robot che sorride per primo

Un robot chiamato Emo, sviluppato dalla Columbia University di New York, è in grado di sorridere in risposta all'interazione umana, adattandosi al suo interlocutore. Questo passo avanti potrebbe essere cruciale per i futuri robot assistenziali.

Interazione più vicina. Arriva Emo il robot che sorride per primo

Interazione più vicina. Arriva Emo il robot che sorride per primo

Si chiama Emo (nella foto), il robot che sa sorridere per primo quando interagisce con un essere umano. Dopo decenni di ricerche tese a dare ai robot delle espressioni simili a quelle umane, il nuovo passo in avanti, pubblicato sulla rivista Science Robotics dalla Columbia University di New York, consiste nel determinare un’interazione diretta in cui la macchina non si limita ad assumere un’espressione triste o allegra, ma lo fa adattandosi al suo interlocutore. Una capacità importante per i futuri robot destinati ad assistere persone anziane o malate che secondo gli stessi autori della ricerca richiederà delle regole.