Venerdì 21 Giugno 2024

Curriculum truccato, bufera sul deputato "Si deve dimettere"

Migration

Ha mentito sulla sua istruzione, sui suoi lavori passati, sulla sua religione e, forse, anche sulle sue finanze ma non si considera un "criminale" e intende assumere il suo incarico di rappresentante di Long Island e Queens a Capitol Hill. Il repubblicano George Santos (foto), la cui vittoria alle ultime Midterm ha contribuito a riconsegnare al Grand old party il controllo della Camera, confessa le sue bugie: "Ho abbellito il mio curriculum, lo fanno in tanti" ha ammesso il 34enne di origine brasiliana. Non solo non ha frequentato l’università Baruch, non si è mai laureato né ha mai lavorato a Wall Street. In più di un comizio Santos ha parlato della sua famiglia ebrea: in realtà il politico è stato cresciuto in una famiglia cattolica ed è a tutt’oggi cattolico. Restano due punti ancora da chiarire: il primo è un’accusa di frode in Brasile per aver firmato assegni di un libretto rubato, il secondo è sulle sue finanze e i redditi dichiarati. Inutile precisare che il partito democratico che ne chiede le dimissioni e quello repubblicano è sempre più in imbarazzo.