Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
8 ott 2020

Covid, drive-in al collasso: 13 ore di coda per i tamponi

Roma, diventano biblici i tempi per un test nelle strutture aperte in strada. I gestori: "Non bastano più, la richiesta è triplicata"

8 ott 2020
giovanni rossi
Cronaca
La Regione ha aperto a Roma 15 drive-in. Erano stati avviati a maggio per aiutare le strutture sanitarie
La Regione ha aperto a Roma 15 drive-in. Erano stati avviati a maggio per aiutare le strutture sanitarie
La Regione ha aperto a Roma 15 drive-in. Erano stati avviati a maggio per aiutare le strutture sanitarie
La Regione ha aperto a Roma 15 drive-in. Erano stati avviati a maggio per aiutare le strutture sanitarie
La Regione ha aperto a Roma 15 drive-in. Erano stati avviati a maggio per aiutare le strutture sanitarie
La Regione ha aperto a Roma 15 drive-in. Erano stati avviati a maggio per aiutare le strutture sanitarie

"Da questo punto in poi l’attesa è stimata in tre ore". In viale Palmiro Togliatti, nella strada che porta al Centro Carni, dove la Regione Lazio ha aperto uno dei 15 drive-in della Capitale, premurosi addetti dell’Asl Roma 2 disseminano il percorso di cartelli conta-tempo per i martoriati aspiranti al tampone. "Vergogna", è il commento più gentile dei pazienti (ma non troppo) intrappolati in code interminabili modello autostrada a Ferragosto. Nulla che suggerisca percorsi di salute: coi finestrini aperti, smog assicurato; coi finestrini chiusi, più rischi di contagio, nonostante le mascherine, nel caso di famiglie con un inconsapevole positivo a bordo. Il record di attesa è alla Casa della Salute di Labaro (Roma Nord) con 12-13 ore di incubo. Coronavirus,il bollettino di oggi 8 ottobre Uno scenario del tutto prevedibile, secondo Pierluigi Bartoletti, responsabile drive-in del Lazio: "I drive-in – ricorda – erano nati a maggio per smaltire gli arretrati". Ora sono parte del problema: "Non bastano più", è la chiara ammissione. "Sono triplicati", raccoglie la sfida l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato: "Siamo stabilmente sui 10-11 mila tamponi al giorno, ma a breve arriveremo a 16-17 mila, proprio perché in questa fase è molto importante individuare precocemente i positivi asintomatici". La promessa è di "un ulteriore raddoppio delle sedi" in tutto il Lazio e con tempi di refertazione più rapidi. Coronavirus Germania, balzo dei contagi. 'Piano Bianco' nella regione di Parigi Nel frattempo sono state attivate convenzioni con il fior fiore della sanità privata romana: da Mater Dei a Quisisana, da Altamedica a Villa Stuart, già decine di laboratori offrono tamponi al prezzo massimo di 22 euro, che scende a 20 nelle cliniche che hanno fiutato l’affare. Perché per una famiglia di quattro persone meglio sborsare 80-90 euro che restare ostaggio per un giorno nella propria macchina. Ma, a ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?