16 mag 2021

Sicurezza informatica, l'esperto: "Basta un solo like a svelare i nostri gusti"

Luca Bechelli: quando navighiamo sui social e clicchiamo, dovremmo sempre chiederci se ha davvero senso farlo

luca bolognini
Cronaca
featured image
featured image
Anche il tempo passato sui siti viene registrato

"I social o i motori di ricerca non ci ascoltano di nascosto. Siamo noi, con i nostri comportamenti sul web, a fornire a queste aziende le indicazioni utili per farci raggiungere dalle pubblicità". Per Luca Bechelli del comitato scientifico Clusit, l’Associazione italiana per la sicurezza informatica, dovremmo tutti pensare a quante informazioni mettiamo a disposizione di Big Tech con troppa leggerezza. Smartphone: ecco come arriva la pubblicità Ma allora Facebook, Google, Amazon e gli altri come riescono a far apparire réclame di oggetti che non abbiamo mai cercato sul web? "A volte è frutto del caso. Siamo bombardati ogni giorno di pubblicità, che però non ricordiamo. Quando qualcosa diventa oggetto del nostro desiderio siamo molto più inclini a notarlo. Più spesso in realtà siamo noi a mettere sulla buona strada siti e social. Basta poco: anche soffermarsi per qualche secondo in più su una notizia correlata a qualche prodotto può aiutare queste società a intercettare i nostri desideri latenti e nascosti. Inoltre gli strumenti digitali permettono di indicare parametri molto precisi. Per esempio posso selezionare chi un anno ha messo un ‘mi piace’ a un certo tipo di articoli e questo può stringere di molto la cerchia degli interessati". Quindi non ascoltano le nostre conversazioni? "È più che ragionevole escluderlo. Anche perché un’attività del genere, che sarebbe del tutto illegale, consumerebbe molta batteria e dati. Ci sono diversi studi che dimostrano come questo non avvenga. Inoltre per i giganti del settore se si venisse a sapere che esiste un programma del genere potrebbe essere un colpo da cui sarebbe quasi impossibile riprendersi. Sarebbe uno scenario apocalittico, visto che un telefonino sta nelle tasche anche delle persone più potenti del mondo". Ma gli assistenti digitali non sono sempre in ascolto? "Sì, ma si attivano solo quando sentono la parola chiave, come ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?