Almeno 20mila afghani

in fuga dal loro Paese

e portati in Occidente potranno essere ospitati gratis in alloggi messi

a disposizione da

Airbnb in tutto il mondo. Il gesto di solidarietà è stato annunciato dal Ceo della piattaforma online di affitti e case vacanza, Brian Chesky, in risposta alla "più grande crisi umanitaria dei nostri tempi". "Non c’è tempo da perdere", ha aggiunto. L’offerta è iniziata ieri.

Airbnb, inoltre, sta lavorando con alcune Ong "sul terreno" per aiutare i rifugiati nei loro bisogni più elementari. Chesky ha auspicato

che anche altre imprese seguano il suo esempio.