Martedì 16 Aprile 2024

Rigopiano: la storia di Alessio, Maria e Fifì. “Il nostro cagnolino, medicina per il dolore”

I genitori di Stefano Feniello il 14 febbraio all’Aquila hanno atteso la sentenza d’appello con Fifì. Dai cuccioli di Rigopiano ritrovati vivi a Golia che vive con Mario Tinari, papà di Jessica: tutti i cani del disastro

L’Aquila, 17 febbraio 2024 - L’ultimo ‘cane di Rigopiano’ si chiama Fifi, è un Pincher ma soprattutto è il compagno inseparabile di Alessio Feniello e della moglie Maria. “Sente tutto quello che sentiamo noi, capisce cosa stiamo passando”, racconta il papà di Stefano mentre lo accarezza. Perché Fifi è entrato in casa Feniello dopo la strage di Rigopiano, quando non bastavano neanche le medicine per tenere a bada il dolore di una mamma che aveva perso un figlio di 28 anni, quel resort ai piedi del Gran Sasso doveva essere il regalo di compleanno da festeggiare con la fidanzata Francesca Bronzi, che è tornata a casa.

Approfondisci:

Valanghe, una guida per i sindaci. L’esperto: “Perché quelle primaverili sono più pericolose”

Valanghe, una guida per i sindaci. L’esperto: “Perché quelle primaverili sono più pericolose”
Approfondisci:

Rigopiano 6 anni dopo. Papà Mario, il 'cucciolo' Golia e le parole che spezzano il cuore

Rigopiano 6 anni dopo. Papà Mario, il 'cucciolo' Golia e le parole che spezzano il cuore

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn

Alessio Feniello con la moglie Maria
Alessio Feniello con la moglie Maria

L’altro pomeriggio Alessio e Maria hanno aspettato la sentenza d’appello nel tribunale dell’Aquila facendosi ‘scortare’ dal cagnolino, hanno sistemato una coperta gialla per terra e Fifì da quella sua postazione ha cominciato a guardare tutti, incuriosito, nella stanza dove si muovevano decine di telecamere, sugli striscioni i volti di chi non è più tornato da Rigopiano e accanto le vittime della strage di Viareggio. Perché i disastri alla fine si assomigliano tutti. Alessio Feniello racconta di come la presenza di Fifì abbia aiutato lui e la moglie, “Maria non stava bene, mi hanno consigliato di prendere un cane”.

I cani di Rigopiano sembrano una costante nella storia del disastro, accompagnano il dolore delle famiglie e lo strazio che non trova pace. Come dimenticare i cuccioli di pastore abruzzese salvati nei giorni del disastro e poi adottati? Uno di loro, Golia, vive in simbiosi con Mario Tinari e la moglie Gina. E sembra capire tutto del dolore di genitori che hanno perso una figlia di 24 anni, si chiamava Jessica, era nel resort con il fidanzato Marco Tanda. Morti entrambi. In aula, per la sentenza d’appello, il 14 febbraio all’Aquila sulle loro foto hanno appoggiato un cuore.