Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Lo storione ritorna in Adriatico e nei fiumi. Le semine del cobice dal Parco del Ticino

Cobice. L’ultimo storione italiano rimasto, dopo la scomparsa delle specie comune e beluga, sta ritornando nell’Adriatico e nei nostri fiumi, grazie al ripopolamento e a decenni di acquacoltura, che ha portato l’Italia ad essere uno dei primi tre produttori del mondo caviale, fra il Ticino e l’Oglio. All’Acquario di Milano è stato presentato da Paolo […]

Ultimo aggiornamento il 16 giugno 2018 alle 08:18

Cobice. L’ultimo storione italiano rimasto, dopo la scomparsa delle specie comune e beluga, sta ritornando nell’Adriatico e nei nostri fiumi, grazie al ripopolamento e a decenni di acquacoltura, che ha portato l’Italia ad essere uno dei primi tre produttori del mondo caviale, fra il Ticino e l’Oglio. All’Acquario di Milano è stato presentato da Paolo Bray di Friend of the Sea il progetto di ripopolamento dello storione cobice a cura della società milanese per la certificazione internazionale di prodotti da pesca sostenibile, dei pescatori Fipsas e di Storione Ticino, azienda agricola della famiglia Giovannini, fornitore esclusivo di Ars Italica Caviar. Dopo i programmi lombardi che hanno riportato lo storione cobice in Ticino, Adda, Oglio e Mincio, la Regione Veneta ha finanziato le semine in Adige, Bacchiglione, Brenta, Livenza, Piave, Po, Sile e Tagliamento. È stato pescato un esemplare di quasi due metri, ma non ci sono prove, solo avvistamenti, di piccoli esemplari che certifichino la riproduzione.

I problemi maggiori sono sul Po, dove la diga Serafini e scale di risalita inadatte impediscono agli esemplari maturi (servono dai quindici ai venti anni) di risalire il fiume dal delta. La passione della famiglia Giovannini, presente con Sergio e John, e le intuizioni di biologi e genetisti italiani, come il relatore Leonardo Congiu, hanno scoperto un nuovo processo riproduttivo, garantendo con una costante mappatura la purezza e la diversità genetica della specie. Ma la storia degli storioni che nascono dopo le trote vicino a risorgive e acciaierie ve la raccontiamo, sul Ticino, un’altra volta.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.