Lunedì 17 Giugno 2024
LEO TURRINI
Archivio

"Siamo un po’ indietro, ma ce la giochiamo"

Leclerc non si illude, da oggi scattano le prove del primo gran premio: "La Red Bull è in vantaggio, puntiamo sull’affidabilità"

Migration

di Leo Turrini

Le ultime parole famose. Carletto e il mondo, Leclerc e il mondiale. Fra sospiri, ansie e speranze. Con una ammissione schietta: "Siamo un pochino indietro". E una strizzatina d’occhio a Fred Vasseur, il nuovo capo: "Lo conosco, siamo stati insieme anche in Alfa, è uno molto bravo a mettere tutti nella condizione ideale per dare il massimo".

Vedremo e vedrete.

In fuga. Ha detto Leclerc ieri a Sakhir: "I detentori del titolo sono partiti molto forte, è evidente che la Red Bull e Max hanno svolto dei test molto brillanti. Onestamente è difficile quantificare il loro vantaggio, però sembrano un pochino davanti rispetto a noi. Penso che abbiamo tanto lavoro da fare, però siamo appena all’inizio della stagione".

Il traguardo. Leclerc e la Rossa ripartono dal doppio secondo posto del 2022, era Binotto. La conseguenza è perfino banale: "Se arrivi secondo devi migliorare di una posizione rispetto all’anno scorso".

Segue analisi sui numeri della vigilia, estrapolati dai test della settimana scorsa. "Sinceramente noi ferraristi non abbiamo fin qui svelato per intero il nostro potenziale, ma neanche la Red Bull ha calato tutte le sue carte. Secondo me nessuno si è scoperto fino in fondo. Il vero livello delle monoposto lo vedremo nella caccia alla pole. A pelle, la mia sensazione è che stiamo un pochino dietro".

La lezione. Occhio, però. Dodici mesi fa la Ferrari,proprio in Bahrain, inaugurò il campionato con una doppietta. Ma come sia andata a finire si sa. Carletto giura di aver imparato la lezione.

"Trionfare nella prima gara come abbiamo visto non è poi fondamentale, direi anzi che gli sviluppi nel corso della stagione siano più importanti. Comunque noi abbiamo indicazioni positive, la scorsa settimana abbiamo percorso molti giri, abbiamo accumulato tanti chilometri e non abbiamo riscontrato problemi di affidabilità. Questo ci dà serenità, le verifiche che c’erano da svolgere sulla vettura sono state fatte, adesso è tempo di accendere il motore".

Buon viaggio.