Playboy, la prima volta della modella con il velo islamico

La giornalista 22enne Noor Tagouri inserita da Playboy fra le donne più influenti del momento. Il suo scatto con il velo islamico entra nella storia, ma scatena polemiche.

Noor Tagouri – Foto: profilo Instagram ufficiale

Noor Tagouri – Foto: profilo Instagram ufficiale

Rischia di diventare un numero da collezione, quello di ottobre 2016 della rivista Playboy: segna infatti la prima volta che una modella posa con l'hijab, il velo che indossano le donne musulmane per coprire testa e collo. Protagonista dello scatto è Noor Tagouri.
CHI È NOOR TAGOURI?
Nata il 27 novembre 1993 in West Virginia, è una 22enne statunitense figlia di immigrati libici. Laureata in giornalismo all'età di 20 anni, ha lavorato per CBS e CTV News e ha utilizzato YouTube per farsi conoscere presso il pubblico dei giovani e giovanissimi. Fra gli argomenti che più la appassionano ci sono la condizione femminile e i pregiudizi verso il mondo arabo.
PERCHÉ È SU PLAYBOY?
La rivista l'ha voluta inserire nella sezione "Renegades 2016", fra le donne e gli uomini più influenti del momento. Non comparirà dunque sulla copertina, come sembrava in un primo momento, ma nelle pagine interne di Playboy. Resta però il fatto che indossando jeans, maglietta, giacca di pelle e hijab, Noor Tagouri ha tenuto fede alle proprie convinzioni religiose ed è diventata la prima modella col velo islamico nella storia del magazine.
LE POLEMICHE
L'evento ha scatenato le critiche di alcune femministe statunitensi, che considerano Playboy uno dei principali fautori della mercificazione del corpo delle donne e che dunque accusano Noor Tagouri di essersi prestata al gioco. È però difficile stabilire dei confini, in questo caso: a conti fatti stiamo comunque parlando di una donna che conquista uno spazio di visibilità restando fedele al proprio stile e alle proprie convinzioni. Certo, questo fatto potrebbe essere utilizzato da Playboy come specchietto per le allodole, cioè per far dimenticare le maggiorate in bichini che spesso ha ospitato. Però il confine è appunto labile ed è difficile vederci chiaro.
LA RISPOSTA DI NOOR TAGOURI
Sui suoi social media, Noor risponde con apparente calma: «Cerco di non pensare a chi dice cose cattive su di me e sulle mie scelte. Ho deciso di circondarmi solo di persone positive». Del resto, nonostante i suoi 22 anni, la lecita diatriba femminista non è nemmeno paragonabile agli attacchi che riceve per essere una musulmana e insieme una sostenitrice dei diritti delle donne. Come dire, la ragazza ha le spalle grosse e sembra capace di andare per la sua strada senza farsi sbilanciare dalle polemiche che scatena. Non a caso, in fondo, Playboy l'ha inserita nel novero delle personalità più influenti dei nostri tempi.