Trenta ore senza acqua o cibo: trasporto di vitelli nella Ue

CIWF lancia un nuovo video di inchiesta e ricorda che il 29 agosto sarà celebrata la giornata contro il trasporto di animali vivi. Appuntamento ad Ancona

Vitelli in una foto Dire

Vitelli in una foto Dire

Roma, 18 agosto 2016 - Vitellini e agnellini, cuccioli che vengono trasportati fino a 30 ore senza essere nutriti, in camion sovraffolati, senza igiene e senza spazio per muoversi. Sono le terribili immagini che ancora una volta ci arrivano da AWF | TBS, che hanno realizzato la loro ultima inchiesta con il supporto di Eyes on Animals. Stipati sui rimorchi sotto il sole cocente dell’estate o lasciati al freddo quando d’inverno le temperature scendono sotto lo zero: viaggi così lunghi e terribili vanno semplicemente aboliti e il regolamento europeo sui trasporti va revisionato al più presto. E' quanto chiede CIWF. Il più delle volte il sistema di abbeveraggio dei camion non è adatto ad animali così giovani, che sanno solo attaccarsi alle mammelle della madre o, con l’assistenza da parte del personale addetto, succhiare dalle tettarelle. E così, spinti dall’istinto, leccano le sbarre e le pareti dei camion o il pelo dei propri simili in cerca di cibo.

Una volta arrivati a destinazione, agnelli e vitelli vengono scaricati in maniera brutale: tirati per le orecchie o per la coda, oppure costretti a muoversi sotto i colpi di un bastone. Qualche animale non ce la fa e muore durante il viaggio. Ma questo è un “effetto collaterale” messo già in conto da chi pratica questo commercio. È scientificamente dimostrato che dopo 8 ore gli animali iniziano a non reggere più lo stress e le condizioni del viaggio. Per questo CIWF chiede che i trasporti a lunga distanza – in UE e verso i paesi terzi - vengano vietati e il regolamento europeo sul trasporto venga revisionato, introducendo un limite massimo di 8 ore ai trasporti di animali vivi. 

L’Italia purtroppo è uno di paesi responsabili di queste atroci sofferenze. Siamo il terzo importatore di vitelli e il primo importatore di agnelli in Unione europea. In quest’ultima inchiesta, due carichi di vitelli e agnelli partiti dalla Polonia e diretti in Italia sono stati seguiti da vicino: gli animali non sono stati nutriti adeguatamente per oltre 25 ore.

"Anche se stiamo portando avanti questa battaglia a livello europeo con la campagna #Stopthetrucks che chiede appunto l’abolizione dei viaggi a lunga distanza, noi italiani abbiamo il dover di farci sentire dal nostro Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, perché è importante che sostenga pubblicamente la nostra richiesta", riporta una nota di CIWF. "Più siamo e più possibilità abbiamo che la nostra proposta venga accolta.Per testimoniare le sofferenze degli animali e la gravità della situazione, il 29 agosto, giornata mondiale di mobilitazione contro il trasporto di animali vivi, organizziamo un evento ad Ancona per ribadire che "Gli animali non sono merce". "Alle 11.30 saremo in Piazza Roma con uno stand informativo, una mostra fotografica e un’installazione per ricordare che i trasporti a lunga distanza di animali vivi provocano enormi sofferenze agli animali e vanno aboliti", conclude la nota di CIWF. Per contatti con la nostra redazione: animali@quotidiano.net