Roma, 13 settembre 2017 - I giallorossi, alla prima uscita in Champions League, hanno ottenuto un pareggio a reti inviolate. Un risultato tutto sommato positivo contro una delle avversarie più temibili di tutto il torneeo. Ne è consapevole Edin Dzeko che dal suo profilo Instagram oggi è tornato a parlare del match di ieri sera. “Quella di ieri è stata una gara molto difficile" - scrive il bomber bosniaco - "combattuta pallone su pallone. Avrei voluto dare un contributo maggiore ma in gare del genere non è sempre facile, per questo a fine gara non ero molto soddisfatto. Mi dispiace però che le mie parole siano state interpretate come una critica. Penso invece che gli insegnamenti del mister sono quelli giusti e impegnandoci al massimo otterremo i risultati che vogliamo! Daje Roma!“. Il vero protagonista del match dell'Olimpico è stato il portiere Allison. Il brasiliano ha salvato in più occasioni il risultato dei giallorossi con le sue parate sulle palle insidiose dell'Atletico Madrid. Anche lui è tornato a parlare del match di ieri su Instagram. "Grande partita ieri" - scrive il verdeoro - "andiamo avanti cercando di fare meglio!”.

MONTUORI: "STADIO DELLA ROMA? CI AUGURIAMO CHE IL PROGETTO OTTEMPERI A TUTTE RICHIESTE". La Champions è solo il primo passo per costruire la Roma del domani. Un tassello cruciale è rappresentato dallo stadio di proprietà. Oggi l'assessore all'urbanistica Luca Montuori ha parlato dello stato di avanzamento del progetto alle frequenze di Centro Suono Sport. "I proponenti hanno depositato in Regione il progetto adeguato a tutte le osservazioni fatte e tutte le modifiche richieste" - ha detto Montuori - "Adesso a Regione aprirà la Conferenza dei Servizi nella quale, sedendoci tutti attorno a un tavolo, si deciderà se il progetto ottempera a tutte le richieste o no. Noi ci auguriamo di sì ovviamente”. In ballo resta la costruzione del Ponte dei Congressi, infrastruttura indispensabile al nuovo impianto. "Quando ci sono 20 mila auto che si muovono insieme, non ci sono ponti che tengano. E’ chiaro che in grandi eventi sportivi alcune difficoltà, a qualsiasi viabilità, potrebbero esserci" - sottolinea l'assessore - "Quello su cui noi abbiamo basato le nostre valutazioni sono innanzitutto i traffici in condizioni normali. Per quello che riguarda il rischio allagamenti invece il ponte dei Congressi è nelle mani di alcuni tra i più competenti idrologi d’Italia e il progetto attuale tiene conto proprio di queste necessità. Quello che bisogna fare sono tutti i lavori di messa in sicurezza del fosso di Vallerano perché spesso si da la responsabilità al Tevere di esondazioni mentre invece sono i fossi che non riescono più a disperdere le acque perché attraversano territori che un tempo erano agricoli e oggi impermeabili".