Parigi, 19 giugno 2017 - Attentato sugli Champs-Elysees a Parigi. Un uomo ha fatto schiantare un'auto contro un furgoncino della polizia. Secondo le autorità non vi sono vittime. La vettura si sarebbe incendiata dopo l'impatto. Alcuni testimoni parlano di "esplosione". L'atto, "deliberato", è dunque "terrorismo" e l'inchiesta - apprende l'Ansa da fonti degli Interni - è stata affidata alla procura antiterrorismo e alla DGSI, i servizi. L'uomo alla guida è morto. Si chiamva Adan Lofti Djaziri ed aveva con sé diverse armi (un kalashnikov e pistole) e munizioni. All'interno del mezzo c'era una bombola di gas e dell'esplosivo. L'attentatore è nato nel 1985 ed è schedato S, sigla riservata per i sospetti radicalizzati, riferisce il quotidiano Le Parisien. Bfm-Tv riferisce che l'attentatore era titolare di regolare porto d'armi col permesso per uso sportivo, valido fino al 2020.

false

VIDEO Il momento dell'attacco e il fumo dall'auto

Il 20 aprile, pochi giorni prima del primo turno delle presidenziali, gli Champs-Elysées erano stati teatro di un attentato: l'autore, Karim Cheurfi, aveva ucciso a colpi d'arma da fuoco un poliziotto e ne aveva feriti altri due prima di essere abbattuto. L'attacco era stato rivendicato dall'Isis. Il 6 giugno Farid Ikken aveva aggredito un membro di una pattuglia di polizia davanti alla cattedrale di Notre-Dame, in pieno centro turistico di Parigi. L'uomo aveva rivendicato di essere un "soldato del califfato", in riferimentro al califfato autoproclamato dell'Isis. Il poliziotto aggredito era stato leggermente ferito al collo.

VIDEO La polizia blocca il traffico nei primi istanti dopo l'attacco

image

L'azione, che si è conclusa davanti al commissariato dell'VIII arrondissement, si è svolta a poche centinaia di metri dall'Eliseo, dove questa sera il presidente Emmanuel Macron riceverà per una cena ufficiale il re di Giordania, Abdallah II.

Quest'attacco "dimostra ancora una volta che il livello della minaccia in Francia è estremamente elevato", ha dichiarato il ministro dell'Interno Gérard Collomb, sottolineando che mercoledì prossimo presenterà "in consiglio dei ministri una legge per prolungare" ancora una volta "lo stato di emergenza" che scadrà il 7 luglio. "Nello stesso tempo - ha informato - proporremo una legge che permetterà di uscire da questa emergenza, mantenendo delle condizioni di sicurezza elevate. La Francia ha bisogno dello stato di emergenza".