Google apre a Malaga il terzo centro Ue di sicurezza informatica

Lavoreranno 100 persone, 'dialogo con istituzioni e politica'

Google rafforza l'impegno per la sicurezza informatica europea, apre un nuovo centro internazionale per la cybersicurezza (Gsec) a Malaga, in Spagna. Il centro si unisce ai due già esistenti a Dublino e Monaco, vi lavoreranno fino a 100 ingegneri e personale del colosso tecnologico proveniente da diversi team tra cui VirusTotal, un'ex startup nata a Malaga e acquisita da Google nel 2012, ora diventata la principale piattaforma di condivisione in crowdsourcing di minacce informatiche del pianeta. "I team di Google - spiega la società - lavoreranno direttamente con i politici europei, gli esperti informatici, le istituzioni accademiche e le imprese per combattere le minacce e fornire sviluppo e formazione sulle competenze digitali. Ciò includerà la condivisione di informazioni sulle minacce, l'organizzazione di seminari e la creazione di report trimestrali per analizzare le nuove minacce alla sicurezza e le possibili risposte". Nel centro di Malaga, verranno ospitati "funzionari governativi, imprese, organizzazioni non profit, persone in cerca di formazione e scuole europee per laboratori personalizzati". "Siamo felici di contribuire ad accelerare il nostro profondo impegno a sostegno dell'Europa nella lotta contro le nuove e crescenti minacce informatiche. Questo tipo di partenariato pubblico-privato è fondamentale per supportare la ricerca e costruire strumenti all'avanguardia, tra cui gli strumenti che utilizzano l'intelligenza artificiale più recente", afferma Sundar Pichai, Ceo di Google e Alphabet. "La scelta di Malaga non è casusale. E' una città cosmopolita, verde e ospitale che si è distinta come un attrattore per i talenti, per la scienza e la tecnologia ed è la sede di VirusTotal, un team chiave all'interno del Gsec e per la strategia di sicurezza informatica di Google", sottolinea Fuencisla Clemares, Vice Presidente di Google Spagna e Portogallo.