Giovedì 13 Giugno 2024

Anci, tagli irragionevoli, penalizzano Comuni che usano Pnrr

Decaro: 'Ci aspettavamo una proposta molto diversa'

Anci, tagli irragionevoli, penalizzano Comuni che usano Pnrr

Anci, tagli irragionevoli, penalizzano Comuni che usano Pnrr

"Le modalità con le quali il Mef intende applicare ai Comuni la spending review prevista dalla legge di bilancio aggravano tutte le nostre peggiori preoccupazioni. Ci aspettavamo una proposta molto diversa, anche se avevamo già lanciato l'allarme e ora dobbiamo confermarlo: con una decisione paradossale e irragionevole il governo intende tagliare le risorse di parte corrente penalizzando fortemente i Comuni che hanno ricevuto i finanziamenti del Pnrr e sono impegnati nella realizzazione delle opere pubbliche". Lo afferma il presidente dell'Anci Antonio Decaro. "Come avevamo segnalato con una lettera inviata insieme all'UpiI a tutti i ministri interessati - aggiunge il presidente dell'Anci - sta prevalendo un'interpretazione delle norme di bilancio che ci pare assurda, contraddittoria con lo spirito e le finalità del Pnrr e soprattutto densa di gravissime conseguenze per la gestione delle opere pubbliche tanto attese dai cittadini. Ritorna la volontà di scoraggiare la piena riuscita degli obiettivi del Pnrr, almeno per la parte di competenza dei sindaci". "Il taglio previsto per gli enti locali è di 250 milioni quest'anno, prima tranche di 1 miliardo e 250 milioni fino al 2028, ed è già un duro colpo per tutte le amministrazioni locali che si stavano appena riprendendo dagli anni difficili dell'austerity - spiega Decaro - ma la cosa più grave è che il Mef vuole ripartire questo taglio colpendo i Comuni in misura direttamente proporzionale ai finanziamenti Pnrr che hanno ricevuto per gli investimenti. Col risultato che i tagli saranno più pesanti per chi avrà costruito più asili nido, avrà aperto più case-famiglia, avrà acquistato più autobus elettrici o avrà realizzato piu parchi pubblici: tutti investimenti che naturalmente, per poter funzionare, richiederanno ai Comuni maggiore spesa corrente per esempio per le manutenzioni e per l'assunzione degli educatori da impiegare negli asili nido". "Invitiamo tutto il governo a ripensarci prima che sia troppo tardi - conclude Decaro - Sarebbe una beffa per i cittadini, se dopo aver realizzato le opere pubbliche attese per anni i Comuni fossero costretti ad abbandonarle perché messi nell'impossibilità di gestirle".