Lunedì 22 Aprile 2024

Musica e intelligenza artificiale: Adobe rivoluziona il modo di creare canzoni

Si chiama Project Music GenAi Control, ed è una piattaforma in grado di generare audio da descrizioni di testo

Musica e intelligenza artificiale

Musica e intelligenza artificiale

Nel cuore pulsante di Brooklyn, durante l'Hot Pod Summit, Adobe ha svelato un progetto rivoluzionario: Project Music GenAi Control. Questa piattaforma promette di trasformare il modo in cui la musica viene creata, permettendo agli utenti di generare composizioni audio partendo da semplici descrizioni testuali.

La generazione di musica con l'AI

Adobe, già noto per i suoi strumenti di editing e design, sta esplorando nuovi orizzonti con l'intelligenza artificiale. Project Music GenAi Control si inserisce nella scia di altri strumenti generativi, ma si distingue per la sua capacità di creare musica in pochi minuti, basandosi su indicazioni di genere e stile fornite dall'utente.

Un catalogo in espansione

Sebbene il software non sia ancora disponibile al pubblico, l'esperienza di Adobe nel campo dell'IA suggerisce che potrebbe presto arricchire il suo catalogo. Questo nuovo strumento si basa su Firefly, la famiglia di modelli di intelligenza artificiale generativa di Adobe, che sta già facendo parlare di sé.

Funzionalità e personalizzazione

Adobe ha condiviso alcuni dettagli su come funziona Project Music GenAi Control. Gli utenti possono regolare vari elementi come tempo, intensità e struttura, o partire da tracce create dall'IA per aggiungere nuovi strumenti e loop. Questo offre un livello di personalizzazione senza precedenti, adatto anche per esigenze professionali.

Collaborazioni accademiche

Il progetto è frutto di una collaborazione tra Adobe e i ricercatori dell'Università della California e della Carnegie Mellon. L'obiettivo è di andare oltre la semplice generazione di musica, creando un centro di controllo esteso per canzoni altamente personalizzate.

Il futuro della musica e le sfide legali

Questi strumenti innovativi non sono esenti da controversie. L'industria musicale e i legislatori stanno già esprimendo preoccupazioni, come dimostra il caso di un giudice della Columbia che ha stabilito che l'arte generata dall'AI non può essere protetta da copyright. Adobe e altri, come Google con il suo MusicLm e MusicFx, dovranno navigare queste acque agitate.

Un nuovo orizzonte creativo

Project Music GenAi Control rappresenta un passo avanti significativo nel campo della creatività digitale. Con la promessa di un controllo dettagliato sull'audio, simile a quello che Photoshop offre per le immagini, Adobe sta aprendo la strada a un futuro in cui la musica può essere plasmata e modellata con precisione pixel-per-pixel. Resta da vedere come questa tecnologia si evolverà e si integrerà nel panorama musicale e legale attuale.