Un router senza accesso a internet
Un router senza accesso a internet

2,9 miliardi di persone non si sono mai connesse ad internet. Il dato, difficile da comprendere per chi passa (quasi) tutta la vita sulla rete, arriva da una ricerca dell'International Telecommunication Union, l'organizzazione internazionale dell’ONU che si occupa di definire gli standard nelle telecomunicazioni e nell'uso delle onde radio. Tra i 4,9 miliardi di persone che, invece, usano la rete, la fascia d’età più connessa è quella tra i 15 e i 24 anni.

Un mondo senza internet
Viviamo in un mondo iperconnesso: smartphone, tablet, pc, TV intelligenti, assistenti vocali e console per i giochi, tutto è collegato alla rete, aggiornato sempre in tempo reale e con la possibilità di raggiungere – anche se solo virtualmente – qualsiasi angolo della Terra. E avere accesso (quasi, dipende dalle proprie finanze) a qualsiasi bene che si può trovare ovunque.
Ma questa in realtà è una quotidianità che per una grande fetta della popolazione mondiale non esiste: il report delle Nazioni Unite sull’accesso alla rete, infatti, chiarisce che ancora oggi il 37% della popolazione della Terra (ben 2,9 miliardi di persone) non ha accesso alla rete e non ha mai navigato su internet.
Le cause? La mancanza di device disponibili, l’assenza di rete fisica (anche e soprattutto mobile) in tante zone del Pianeta (Africa e paesi arabi soprattutto) e la mancanza di una vera e propria cultura digitale in vaste aree della Terra.

La crescita dopo la pandemia e le fasce più connesse
Un altro dato interessante che emerge dalla ricerca è che nell’ultimo anno e mezzo di pandemia la popolazione che si è connessa sul web è cresciuta di 600 milioni di unità, passando da 4,1 a 4,9 miliardi di individui. La crescita, in un periodo di tempo relativamente breve, è stata enorme, il 17%.
Tra i quasi 5 miliardi di persone che usano internet la fascia più connessa – si legge sempre nel report dell’ONU – è quella tra i 15 e i 24 anni: i giovani sono il vero motore della rete.