Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
30 mag 2022

Non si deve mai provocare la sfortuna

30 mag 2022
leo
Sport

Leo

Turrini

La faccio breve. Non esiste che Sainz, mettendo l’interesse suo davanti a quello della squadra, si rifiuti di entrare ai box per “coprire” Leclerc dalla mossa di Perez.

Badate bene: l’intuizione dello spagnolo era corretta, perché la pista si stava asciugando.ma a quel punto, gli ingegneri di Maranello mai e poi mai avrebbero dovuto fermare Carletto per una inutile sosta. Le conseguenze sono state tragicomiche. Da primo che era, il monegasco è precipitato in quarta posizione e meno male che nelle classifica iridata ha perso soltanto tre punti nei confronti di Verstappen. Poteva pure andare peggio.

Lo dico con dispiacere. A Mattia Binotto e al suo staff, che hanno confezionato una monoposto fantastica, è mancata la lucidità. Può capitare, ma i mondiali si vincono con i dettagli, esattamente come la Champions League nel calcio.

Aggiungo un’altra cosa. Sainz è un buon pilota e ha il diritto di battersi per il massimo risultato possibile. Ma in una stagione così equilibrata, ha il dovere di rendersi conto che la sua prima lealtà deve andare alla Scuderia e quindi al compagno di squadra, che indiscutibilmente fin qui si sta dimostrando più veloce in pista.

Oggettivamente, nulla è compromesso. Ma urge un chiarimento, perché, sia pure per motivi diversi, stanno diventando troppe le occasioni che la Ferrari va sprecando.

Perché la sfortuna forse nelle corse non esiste, ma è delittuoso andarsela a cercare.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?