Lunedì 22 Luglio 2024
MANUEL MINGUZZI
Motomondiale

MotoGp Portimao 2023: favoriti e strategie

Ducati sempre favorita a Portimao, Bagnaia si difenderà dagli assalti di Martin e Marquez, occhio all'Aprilia

Pecco Bagnaia

Pecco Bagnaia

Portimao, 25 marzo 2023 - Con la prima Sprint Race della storia vinta da Pecco Bagnaia su Jorge Martin e Marc Marquez si è aperta la nuova stagione di gara della Moto gp in quel di Portimao in Portogallo. Gara breve ed entusiasmante con il sorpasso all’ultimo giro del campione del mondo sullo spagnolo, confermandosi ancora il migliore e il favorito per questo weekend portoghese. Tanto equilibrio, con Ducati sicuramente favorita per i titoli vinti l’anno scorso ma con le rivali molto agguerrite nel cercare di mettere i bastoni tra le ruote a Borgo Panigale. In Sprint Race infatti si sono ben espresse Honda, Ktm e Aprilia, tutte in top five e solo la Yamaha ha pagato dazio con il decimo posto, fuori dalla zona punti, di Fabio Quartararo.

Portimao: Bagnaia vince la Sprint Race. La griglia di partenza

Feeling e favoriti

Le qualifiche, che valgono per la griglia di domenica, hanno visto un clamoroso Marc Marquez ottenere il record della pista davanti a Pecco Bagnaia, poi Jorge Martin, Miguel Oliveira, Jack Miller, Enea Bastianini e solo undicesimo Fabio Quartararo con una Yamaha in enorme difficoltà sul giro secco. Ma in gara le cose potrebbero cambiare, se non altro perché le Fp3 hanno visto il francese girare con buon passo e il secondo tempo assoluto dietro al ducatista Marco Bezzecchi. Le Ducati ufficiali si sono mantenute nelle zone alte della classifica ma Pecco Bagnaia sembra più in sintonia con la rossa rispetto a Bastianini che registra poco feeling in inserimento di curva ed è stato travolto da Marini in Sprint Race. Per lui controlli al centro medico e non un buon avvio di stagione. Bene invece il campione del mondo, caduto in Fp3 ma vittorioso nella Sprint, che non può non essere il favorito principale della gara di domenica, anche se dovrà fare attenzione al compagno di marca Jorge Martin, molto competitivo su Ducati Pramac. Su Marc Marquez sarà da valutare la tenuta fisica, ma appare tornato e sarà in lotta per il podio con la Ktm di Jack Miller che si candida a una gara da protagonista se riuscirà a gestire il degrado gomma. Si preannunciano pericolose le Aprilia con Espargaro, Vinales e Oliveira apparsi molto veloci fin dalle prime battute. La risalita di Fabio Quartararo, invece, dipenderà molto dalle capacità motoristiche della Yamaha per non perdere troppo terreno in avvio. Il francese ha avuto un contatto in avvio di Sprint Race e alla fine ha dovuto rimontare dalle retovie, trovando buon ritmo ma impossibilitato a completare la risalita a causa dei troppi secondi di ritardo accumulati. Sarà un aspetto fondamentale che anche in gara si dovrà tenere in considerazione. Un quintetto da lotta al successo può essere questo: Bagnaia, Martin, Marquez, Oliveira e Miller.

Strategie

Michelin ha portato a Portimao tre compound di gomme (morbida, media e dura) con i piloti che hanno subito trovato un buon feeling con la morbida al posteriore, la quale sembra garantire durata anche per la gara lunga della domenica. Per quanto riguarda l’anteriore, la scelta dovrebbe ricadere tra una media e una hard, con quest’ultima testata da diversi piloti nelle ultime due sessioni di libere trovando buoni riscontri. La Ducati di Bagnaia dovrebbe optare per media davanti e morbida dietro, mentre la Honda di Marc Marquez potrebbe smarcarsi confermando la morbida al posteriore ma scegliendo la hard all’anteriore. Media-morbida dovrebbe essere la scelta anche di Fabio Quartararo. Martin potrebbe andare su dura davanti e morbida dietro.

Leggi anche - Signore e signore, Marquez è tornato