Un mese dopo, la Juventus è tornata a perdere una partita. Era capitato a San Siro contro l’Inter, è accaduto a Napoli: due scontri diretti falliti per Andrea Pirlo, con i nerazzurri che hanno superato il Milan in vetta alla classifica e sono scappati a +8. Eppure, come un mese fa, i bianconeri hanno subito l’occasione per voltare pagina. Il 20 gennaio ci fu la Supercoppa Italiana (vinta col Napoli), domani c’è l’andata degli ottavi di Champions contro il Porto. L’ultima notte d’Europa fu l’8 dicembre, lo 0-3 di Barcellona consegnò a CR7 e compagni il primato del girone e la possibilità di un sorteggio non impossibile. E l’urna è stata più che benevola, consegnando ai bianconeri la squadra di Sergio Conceiçao.

Oggi la rifinitura alla Continassa, poi la squadra partirà per il Portogallo, dove non ci sarà Cuadrado. Gli esami "hanno evidenziato una lesione di basso grado del bicipite femorale della coscia destra". Tra dieci giorni verrà valutato nuovamente, ma rischia di restare fuori due-tre settimane. E, con Arthur ancora ko, l’ultimo allenamento pre-Porto sarà decisivo per Dybala e Ramsey. Ieri hanno in parte lavorato col resto del gruppo, oggi la decisione definitiva su un’eventuale convocazione. Ma c’è ottimismo.