7 mag 2022

Inter, ribaltone e sorpasso: ci pensa Lautaro

Va sotto 2-0, Martinez pareggia prima dell’intervallo e poi firma il vantaggio, chiude Sanchez. Nerazzurri in vetta aspettando il Milan

mattia todisco
Sport
Lautaro Martinez con la doppietta di ieri ha raggiunto quota 19 nei gol in campionato: festeggiato da Inzaghi e compagni
Lautaro Martinez con la doppietta di ieri ha raggiunto quota 19 nei gol in campionato: festeggiato da Inzaghi e compagni
Lautaro Martinez con la doppietta di ieri ha raggiunto quota 19 nei gol in campionato: festeggiato da Inzaghi e compagni

di Mattia Todisco

Con parecchia sofferenza, ma l’Inter fa la sua parte. Batte l’Empoli dopo essere andata sotto 0-2, così come era andata in svantaggio negli ottavi di Coppa Italia, riprendendo la gara con i toscani solo in pieno recupero grazie a Ranocchia e vincendo ai supplementari. Stavolta, per restare in corsa per lo scudetto, serviva recuperare e prendersi il successo prima del 90’ e l’Inter ha fatto di più. L’ha ripresa già entro l’intervallo con un’autorete di Romagnoli e un destro al volo di Martinez, mattatore anche nella ripresa con il centro del sorpasso, prima della ciliegina di Sanchez in pieno recupero.

"Ho fatto i complimenti alla squadra perché abbiamo fatto una grandissima gara, a parte i primi 25’ dove abbiamo avuto troppa foga – dice Inzaghi analizzando virtù e pecche dei suoi, colpiti inizialmente dall’ex Pinamonti e da Asllani -. Dovevamo essere più ordinati e invece ci siamo fatti prendere dalla voglia di segnare. Poi siamo stati bravissimi: 37 tiri a 4, 16 calci d’angolo... La squadra ha fatto una grande prova di carattere, non vuole mollare. Adesso recuperiamo le forze perché mercoledì abbiamo una partita importantissima per noi".

Ventidue punti recuperati da situazione di svantaggio dimostrano che la squadra non molla mai, ma anche che serve maggiore attenzione al fischio d’inizio. "Una rosa esperta come la nostra non deve prendere quelle due reti – dice ancora Inzaghi –. La sensazione è che volevamo fare subito gol davanti a questo pubblico che ci trascinava. Non abbiamo tenuto le distanze e contro un avversario così le paghi. Sapevo però che la reazione ci sarebbe stata. Faremo vedere alla squadra i primi minuti perché dovevamo essere più bravi".

Dall’altro lato, vincere in rimonta dopo essere stati sotto di due reti è motivo di gioia ulteriore. Ora c’è solo da recuperare le forze e attendere che il Milan faccia la propria mossa a Verona. Nel frattempo, Inzaghi e i suoi prepareranno la finale di Coppa Italia contro la Juventus. "Guardo alla mia squadra e a un successo che mi dà grande fiducia – risponde Inzaghi -. Domenica sera? Cerchiamo di riposarci. Abbiamo da preparare la finale e per noi è un obiettivo molto importante. È stata una partita intensa. L’Empoli ti fa correre parecchio. Dovremo essere bravi a recuperare energie, in queste ultime gare la differenza la faranno le motivazioni. Ho avuto ottimi segnali però, anche da chi è subentrato".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?