Domenica 23 Giugno 2024
MANUEL MINGUZZI
Calcio

Zhang e il trionfo Inter in Supercoppa: "Sapore speciale nel derby col Milan"

Il presidente al quarto trofeo della sua gestione: "Successo merito di tutti"

Steven Zhang, presidente dell'Inter, con la Supercoppa italiana (Alive)

Steven Zhang, presidente dell'Inter, con la Supercoppa italiana (Alive)

Milano, 19 gennaio 2023 - Quattro trofei per Steven Zhang da presidente dell’Inter. Dopo uno Scudetto, una Coppa Italia e la Supercoppa dell’anno scorso contro la Juventus, il numero uno nerazzurro ha conquistato la seconda Supercoppa, stavolta nel derby contro il Milan. In fin dei conti, strappare due coppe alle rivali più storiche ed acerrime non è niente male nonostante il tricolore passato sulle maglie dei rossoneri. La sua gestione è spesso criticata, più che altro per i mancati investimenti, ma in termini di trofei in bacheca per ora Zhang si colloca al quarto posto di sempre: per i tifosi interisti ci sono state epoche decisamente più magre.

Zhang: "Il merito è di tutti”

Specialisti in Supercoppe sia il presidente che l’allenatore Simone Inzaghi. Due per il primo, addirittura quattro per il secondo che è sostanzialmente imbattuto tutte le volte che l’ha disputata. Ma per il presidente si aggiunge anche una soddisfazione in più, cioè aver vinto un derby: “Vincere un derby che ti permette di vincere una coppa è un qualcosa di unico ed emozionante - le parole di Zhang - Questo è il quarto trofeo vinto negli ultimi sette anni: un riconoscimento importante al nostro lavoro, un premio gratificante per tutti. Il nostro è un viaggio indimenticabile e devo ringraziare tutti quelli che ci aiutano in questo percorso: lo staff, i giocatori, l'allenatore, la dirigenza e tutti quelli che lavorano per l’Inter”. Gli obiettivi di Zhang non si esauriscono a Rihad, il presidente infatti conferma l’intenzione di continuare a vincere, lasciando intendere una speranza anche in ottica Scudetto: "Guardando al passato abbiamo sempre fatto le scelte giuste: fino a che sarò presidente il nostro obiettivo è quello di vincere, come squadra e come società. Il campionato? È ancora lungo, ci sono tante partite e tutto può succedere: noi lavoreremo al massimo, per raggiungere la posizione migliore possibile”, la carica del numero uno. Parole che sanno anche di continuità gestionale, con la famiglia Zhang che non pare intenzionata a cedere l’Inter a breve termine. Certo, se dovessero arrivare offerte in linea con la valutazione il discorso cambierebbe, ma trapela l’idea di continuare, magari ridiscutendo il prestito con Oaktree. Non è certo l’epoca delle spese folli sul mercato, ma in un modo o nell’altro nell’ultimo triennio è arrivato almeno un trofeo a stagione. Ora il futuro, che si baserà molto sul rinnovo o meno di Skriniar e sulla possibilità di confermare Lukaku anche il prossimo anno, mentre sul campo ci sarà lunedì sera l’Empoli a San Siro.

Leggi anche - Napoli, la dura lezione della serataccia di Coppa Italia