Venerdì 21 Giugno 2024
GIUSY ANNA MARIA D'ALESSIO
Calcio

Napoli, il piano di De Laurentiis per blindare Spalletti

Il patron entro fine giugno eserciterà la clausola di rinnovo unilaterale, ma l'idea è prolungare l'accordo fino al 2025

Luciano Spalletti (Ansa)

Luciano Spalletti (Ansa)

Napoli, 27 febbraio 2023 - Ormai lo scudetto è solo questione di tempo: a Napoli è tutto pronto per la festa ma anche per la programmazione del futuro. Un futuro nel quale a comando degli azzurri ci sarà ancora Luciano Spalletti.

Il rinnovo unilaterale

Guai però a pensare a un epilogo scontato e non solo per l'attuale scadenza del contratto, fissata per il prossimo 30 giugno. Di norma, si sa, gli allenatori sono piuttosto restii a legarsi a lungo ai club di appartenenza e spesso l'avversione è reciproca. Quando però a capo di una società c'è un presidente lungimirante come Aurelio De Laurentiis nulla è lasciato al caso. A favore del Napoli esiste infatti una clausola per rinnovare automaticamente il sodalizio con Spalletti. La data buona per far scattare la postilla unilaterale è il 10 giugno, il termine ultimo fissato nell'attuale accordo. Possibile però che tutto venga deciso molto prima e non solo perché la stagione degli azzurri si è incanalata su binari così veloci che ad oggi, nella peggiore delle ipotesi, la festa scudetto potrebbe partire già a inizio maggio. A prescindere da qualsiasi calcolo la verità è che De Laurentiis non vuole rinunciare a Spalletti e viceversa anche se, come da consuetudine in questi casi, gli allenatori pretendono delle garanzie in più dal punto di vista del mercato e delle ambizioni del club: a maggior ragione dopo una cavalcata del genere che l'anno prossimo, dopo gli onori del caso, presenterà il conto sul piano degli oneri.

Il possibile rinnovo fino al 2025

In ballo c'è la permanenza dei pezzi pregiati della rosa, con De Laurentiis che al riguardo è stato piuttosto ambiguo: nessuno dovrà essere venduto necessariamente, ma a fronte di un'offerta congrua nessuno sarà giudicato incedibile. Tradotto in soldoni: per una cifra che oscilla tra i 120 e i 150 milioni perfino Victor Osimhen potrebbe salutare, per la gioia delle casse del club e per la non gioia di Spalletti, che nel caso perderebbe uno dei migliori attaccanti in circolazione. Qualsiasi discorso è comunque prematuro: al centro del villaggio Napoli c'è il tecnico toscano, che De Laurentiis vuole blindare con un rinnovo nel quale ridiscutere gli attuali termini del contratto. Il nodo principale da sciogliere è la scadenza, con la nuova deadline che potrebbe essere fissata al 2025. Possibile che tutto venga discusso ad inizio aprile, quindi ben prima della clausola che prolungherebbe il legame di un solo anno: troppo poco per un allenatore vicino a scrivere una delle pagine più belle della storia del Napoli.

Leggi anche - Inter, viaggio in una crisi che nasce lontano da San Siro