Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus (Ansa)
Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus (Ansa)

Bologna, 12 gennaio 2019 - Tutto pronto per il posticipo al Dall'Ara di Bologna tra i padroni di casa e la Juventus (fischio d'inizio ore 20.45), sfida valevole per gli ottavi di finale della Coppa Italia 2018/19. Partita importantissima per il futuro di Filippo Inzaghi sulla panchina rossoblù, l'ultima vittoria è datata infatti 4 dicembre 2018 (3-0 col Crotone in coppa), da lì in poi sono arrivate 3 sconfitte e 2 pareggi che hanno relegato il club al terzultimo posto in campionato. Per tali ragioni, un eventuale successo sui campioni d'Italia in carica darebbe sicuramente una grande spinta psicologica agli emiliani i quali dovranno lottare per la salvezza nei prossimi mesi. Match importante anche per i bianconeri, come dichiarato da mister Allegri in conferenza stampa ("da qui comincia la stagione"). Autori di una prima metà di stagione quasi impeccabile, i torinesi dovranno cominciare al meglio anche il 2019 per proseguire l'assalto a tutti i trofei disponibili. Nonostante il favore della viglia, gli ospiti dovranno fare a meno degli acciaccati Cancelo e Mandzukic.

Dove vederla in tv. La partita tra Bologna e Juventus è disponibile in chiaro su Rai 1. Per quanto riguarda lo streaming, è possibile assistere al match tramite il servizio RaiPlay.

Queste le probabili formazioni:

Bologna (3-5-2): Da Costa; Gonzalez, Danilo, Helander; Mattiello, Dzemaili, Pulgar, Svanberg, Mbaye; Destro, Palacio. Allenatore: F. Inzaghi.

Juventus (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Rugani, Spinazzola; Emre Can, Bentancur, Matuidi; Dybala, Kean, Cristiano Ronaldo. Allenatore: Allegri

Arbitro: La Penna di Roma 1

Sampdoria-Milan di Coppa Italia, diretta tv e formazioni

image

ALLEGRI: "DA DOMANI CI GIOCHIAMO LA STAGIONE" - "Per ora i ragazzi hanno fatto delle belle vittorie, ma non abbiamo portato a casa nulla. Da domani al primo giugno ci giochiamo l'intera stagione". Così l'allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri, alla vigilia della trasferta contro il Bologna di Coppa Italia. Il tecnico livornese ha proseguito indicando la coppa quale "un obiettivo come lo scudetto, la Champions e la Supercoppa di mercoledì. Dovremo affrontare la partita nel modo migliore, sapendo che non c'è replica per prepararci al meglio a quella di mercoledì". Qualche battuta anche sulla questione razzismo, con la possibilità ventilata di interrompere le partite: "Quali sono le novità sul problema degli stadi? Hanno detto le solite robe per riempirsi la bocca". Un commento secco, al quale ha poi aggiunto:. "Non bisogna spaccare l'atomo. Ci sono strumenti capaci di andare a prendere chi si comporta male. Se non sbaglio e se non ho cattiva memoria, chi tirò la banana a Sterling non può più entrare negli stadi. In Italia hanno paura di prendere decisioni importanti, perché impopolari".

Allegri ha poi difeso Cristiano Ronaldo, nuovamente nella bufera a causa della comparsa di ulteriori accuse di molestie: "Quella di Cristiano è una vicenda privata, io parlo solo di calcio. L'ho visto sereno. Si è allenato bene, è tornato riposato e ne aveva bisogno dopo quattro mesi tirati. Nelle questioni private non entro, Cristiano lo vedo molto sereno e tranquillo poi il resto non sta a me rispondere". Spazio infine ad un commento sulla situazione supercoppa, con il match tra i bianconeri e il Milan finito nella bufera a causa delle politiche sessiste saudite: "È stato fatto un contratto da parte della Lega e noi dobbiamo andarci. Poi c'è un piccolo passo, con le donne che potranno venire allo stadio. Vediamo l'aspetto positivo. Tra l'altro - la conclusione del tecnico - credo che l'Italia abbia rapporti economici e politici con l'Arabia Saudita. A noi hanno detto di giocare lì e andiamo".