Pescara, 10 agosto 2020 - Il primo atto della finale playout è del Pescara. Gli uomini di Sottil, in rimonta, s’impongono 2-1 sul Perugia e fanno un grande passo versa la salvezza: al ritorno basterà anche un pareggio per preservare la Serie B. Galano e Maniero, su rigore, nella ripresa, rispondono al vantaggio umbro di Kouan del primo tempo.

Cronaca. Un guizzo di Kouan rompe l’equilibrio del match e decide il primo tempo in favore del Perugia. Al 7’ i Delfini sfiorano l’1-0 con il tiro al volo al limite di Masciangelo, è attento Vicario a deviare in calcio d’angolo. Passano 8’ e gli ospiti si fanno vivi dalle parti di Fiorillo con Kouan, ma il colpo di testa sugli sviluppi della punizione di Falasco finisce sul fondo. Al 22’ ci provano ancora i padroni di casa con Scognamiglio, il difensore, però, impatta male di testa e spreca l’occasione. Il match cala d’intensità, ma al 29’ il Pescara prova ad accedere la luce: Pucciarelli protegge la sfera in area, si gira, ma non riesce ad inquadrare lo specchio della porta di Vicario. Due giri di lancette e gli ospiti tentano la giocata vincente con il tiro dal limite di Falcinelli, Fiorillo è attento e ci mette i pugni. Trascorrono 9’ e gli uomini di Oddo colpiscono: Falzerano dal lato del destro dell’area di rigore trova al centro il preciso tocco vincente di Kouan, che dall’altra parte è libero di depositare il pallone in fondo al sacco. Nel finale proteste da parte dei padroni di casa per un presunto fallo di mano di Gyomber in area di rigore, l’arbitro Marinelli, dopo il check del VAR, lascia proseguire.

Nella ripresa il Pescara la ribalta con Galano e il calcio di rigore di Maniero. Con questa vittoria, il Delfino si mette in posizione di vantaggio rispetto al Grifone e al ritorno basterà non perdere per evitare la discesa negli inferi della Serie C. Gli uomini di Sottil, nel secondo tempo, mettono sotto assedio il Perugia e al 53’ si rendono pericolosi con Pucciarelli, il suo tiro termina alto. Cinque giri d’orologio e il Pescara sigla l’1-1 con Galano. L’ex attaccante del Foggia è abile, di testa, a tradurre in gol l’ottimo assist di Masciangelo. Trovato il pareggio, il Pescara spinge sull’acceleratore e nel giro di due minuti sfiora due volte il vantaggio: al 61’ Vicario si oppone al tentativo di Maniero e sul calcio d’angolo seguente compie un vero e proprio miracolo sul colpo di testa di Campagnaro. Il forcing degli abruzzesi viene premiato al 68’, quando Marinelli decreta un calcio di rigore per il fallo di mano di Falcinelli. Dal dischetto Maniero è implacabile e spiazza l’incolpevole Vicario. Altri 12’ e i padroni di casa sfiorano anche il tris con Galano, Vicario è abile a distendersi e sventare la minaccia. Nel finale il Perugia tenta di pervenire al pareggio, ma la difesa di casa si difende senza correre rischi. Da segnalare l’espulsione del team manager del Pescara per aver lanciato in campo un secondo pallone nel corso di un’azione offensiva del Perugia.




Tabellino

Pescara-Perugia 2-1 40’ Kouan (Per), 58’ Galano (Pes), 68’ rig. Maniero (Pes)

Pescara (4-3-2-1): Fiorillo; Zappa, Campagnaro, Scognamiglio, Masciangelo; Kastanos (82’ Crecco), Palmiero (72’ Busellato), Memushaj; Galano (86’ Bettella), Pucciarelli (86’ Borrelli); Maniero (82’ Bocic). Allenatore: Andrea Sottil

Perugia (3-5-2): Vicario; Rosi, Sgarbi (72’ Nzita), Gyomber; Mazzocchi, Falzerano (63’ Buonaiuto), Carraro, Kouan, Falasco; Capone (63’ Nicolussi Caviglia), Falcinelli (72’ Melchiorri). Allenatore: Massimo Oddo

Ammoniti: Busellato (Pes); Gyomber, Mazzocchi (Per)

Arbitro: Sig. Livio Marinelli



di ROBERTO FRANCESCO MAFFIA