Claudio Ranieri (Ansa)
Claudio Ranieri (Ansa)

Parma, 24 gennaio 2021 - Parma e Sampdoria si affrontano nel posticipo della 19esima giornata di Serie A, che conclude il girone d'andata. I crociati partono forte, ma a passare in vantaggio sono gli ospiti con Yoshida al 25'. I blucerchiati raddoppiano con Keita al minuto 34 e amministrano il vantaggio per il resto del match. I ducali cercano di recuperare, colpiscono due pali con Kucka ma non riescono ad abbattere la difesa degli ospiti. D'Aversa e i suoi rimangono penultimi a 13 punti, mentre i liguri salgono a quota 26.

Primo tempo

D'Aversa schiera un 4-3-1-2 con Kucka alle spalle di Gervinho e Cornelius. Ranieri schiera una squadra più offensiva del solito, con Gaston Ramirez trequartista e Keita Balde con Quagliarella in avanti. Il Parma si rende molto pericoloso in un paio di occasioni. Kucka prova al 12' ad approfittare di un liscio clamoroso di Yoshida in area, Colley salva sulla linea di porta. Dieci minuti dopo Gervinho parte in contropiede, arriva al limite dell'area e prova a infilare Audero sul secondo palo; il portiere della Sampdoria si supera e riesce a deviare la conclusione sul palo. Dopo questa enorme chance, i crociati si spengono. Al 24' Candreva mette un cross tagliato, Cornelius è sfortunato nel rimpallo e serve involontariamente Yoshida a due passi dalla porta. Il difensore giapponese calcia forte e realizza l'1-0. Hernani al minuto 35 perde un pallone sanguinoso sulla propria trequarti, Keita scatta in contropiede e punisce all'angolino basso Sepe, il quale non può nulla contro il destro molto angolato del senegalese. I padroni di casa lanciano qualche segnale di ripresa nel finale. Kucka prima mette in difficoltà Audero con un tiro sporcato dalla difesa e poi colpisce una traversa con un destro a giro dalla distanza.

Secondo tempo

 

La ripresa è divertente tanto quanto la prima frazione di gioco. Al 59' Damsgaard, appena entrato in campo, si ritrova un rigore in movimento che Sepe neutralizza con una grande parata. Sul ribaltamento di fronte Kucka calcia per l'ennesima volta dalla distanza, scaldando le mani di Audero con un sinistro al volo molto potente ma centrale. I ducali cercano in ogni modo di scardinare la difesa di Ranieri, che però si chiude bene e gestisce il vantaggio con maturità.

Leggi anche: Juventus-Bologna 2-0, decidono Arthur e McKennie