Lazio, Felipe Caicedo (Ansa)
Lazio, Felipe Caicedo (Ansa)

Parma, 9 febbraio 2020 – La Lazio vince soffrendo, al Tardini contro il Parma. Ai biancocelesti basta un gol di Caicedo al 41esimo per far bottino pieno e portarsi a meno uno dalla Juventus capolista. Prosegue inarrestabile la corsa dei capitolini, imbattuti da 18 partite.

PRIMO TEMPO – Primi 45 minuti di gioco non spettacolari ma sicuramente intensi. Le due squadre battagliano in campo nonostante le tante assenze da una parte e dall’altra. Le occasioni migliori però le costruisce la Lazio. La prima al 12esimo con Immobile che servito da Luis Alberto prova il tiro ad incrociare, non riuscendo a centrare lo specchio di pochi centimentri. Al 27esimo si invertono le parti: stavolta è l’attaccante partenopeo a condurre il contropiede che porta al tiro Luis Alberto. Lo spagnolo si libera bene a ridosso dell’area per calciare col sinistro, poi spreca clamorosamente spedendo il pallone al lato. Al 41esimo l’azione che sblocca il risultato, con ancora lo spagnolo protagonista. Decentrato sulla destra riesce a crossare in area per Immobile, che trova una deviazione che passa fra le maglie crociato trasformandosi in un assist per Caicedo. L’ecuadoregno in girata è letale e batte Colombi. Di Bello consulta il Var per un presunto fallo di mano. Niente di tutto ciò però viene ravvisato e la Lazio può quindi tornare negli spogliatoi in vantaggio.

SECONDO TEMPO – Il secondo tempo è più acceso e scoppiettante. Nelle gambe della Lazio si fa sentire la stanchezza delle tre partite in una settimana. Al 55esimo Gagliolo ha l’occasione dall’interno dell’area per far male. Il difensore ducale calcia a botta sicura ma Luiz Felipe si immola deviando in corner. Il Parma spinge sull’acceleratore, D’Aversa inserisce anche Kulusevski mentre Inzaghi manda in campo Lazzari e il recuperato Correa. Al 70esimo è Kucka che prova ad impensierire Strakosha con una conclusione da posizione defilata. Il portiere albanese respinge ma ancora sui piedi di Gagliolo che stavolta spara alto. La Lazio soffre, si compatta in difesa e prova qualche ripartenza guidata e ispirata da un Luis Alberto in forma strepitosa. L’ultima occasione vera però, è ancora dei ragazzi di D’Aversa. Azione personale di Kulusevski, che trova lo spazio per calciare al 95esimo. Tiro teso che sfiora la traversa e si perde sul fondo. È l’ultimo squillo di una gara sempre in bilico, al Tardini la Lazio può far festa.