Edinson Cavani (Ansa)
Edinson Cavani (Ansa)

Napoli, 28 aprile 2020 - Per un Mertens che tentenna c'è un Cavani che sembra propenso a rivestirsi d'azzurro: la rivoluzione dell'attacco del Napoli prosegue e lo fa anche nel segno di un possibile ritorno di fiamma.

APERTURE ED ESCLUSIONI - Il contratto che lega il Matador al Paris Saint-Germain scadrà il prossimo 30 giugno e il tempo rimasto per rinnovare è poco. Come se non bastasse, a complicare il prosieguo dell'avventura dell'uruguaiano in Francia ci si è messo lo stop della Ligue 1 fino a settembre annunciato nel pomeriggio. Eppure, nonostante i tanti ostacoli presenti sul cammino, la priorità di Cavani resta la permanenza all'ombra della Torre Eiffel o comunque nel massimo campionato transalpino. Al secondo posto delle preferenze del grande ex di turno c'è un passaggio che piacerà ai tifosi del Napoli: ritornare lì dove si è consacrato nel panorama del grande calcio mondiale o, in alternativa, accasarsi all'Atletico Madrid, che lo corteggia con forza ormai da mesi. Insomma, certezze non ce ne sono ancora nella testa dell'uruguaiano, se non qualche esclusione eccellente: no alle ricche ma poco ambiziose MLS e Cina e no al rientro in patria per terminare una carriera che evidentemente ha tante altre cartucce da sparare. E chissà che questo non possa avvenire nel club partenopeo, col quale va detto che però finora non ci sono stati contatti se non appunto questi ammiccamenti trasversali che fanno ben auspicare i tifosi, al contrario del silenzio ormai lunghissimo di Mertens.

LE AMBIZIONI DI DRIES - Dietro alle esitazioni del belga non ci sono solo motivazioni economiche: per continuare a vestirsi d'azzurro Dries chiede un Napoli ambizioso che possa tornare a lottare per le posizioni di vertice dopo la battuta d'arresto di questa stagione. Dall'altro lato, la società di Aurelio De Laurentiis si interroga sul reale apporto che può ancora fornire alla causa un giocatore che potrebbe aver già raggiunto e superato il momento di acme della propria carriera. Insomma, il rapporto è in un'autentica fase di riflessione nella quale si stanno inserendo con forza Inter, Monaco e Chelsea, club che danno tante garanzie sia sotto il profilo economico sia per i sogni di gloria. Per trattenere il belga, il Napoli deve mettersi in pari con queste compagini, ammesso che la priorità sia davvero questa e non piuttosto puntare sul ritorno di fiamma con Edinson Cavani, attualmente molto meno dubbioso del suo collega: un fattore non da poco per programmare il futuro.