Mercoledì 19 Giugno 2024
GIUSY ANNA MARIA D'ALESSIO
Calcio

Napoli, pilastro Anguissa: in ballo il recupero dall'infortunio e il rinnovo

Il camerunese pronto ad accelerare i tempi per tornare in campo: sul tavolo anche il prolungamento fino al 2027

André Frank Zampo Anguissa (Ansa)

André Frank Zampo Anguissa (Ansa)

Napoli, 20 ottobre 2022 - I sostituti hanno offerto garanzie sufficienti, ma il centrocampo del Napoli senza André-Frank Zambo Anguissa perde molto. Ne sono consapevoli tutti: da Luciano Spalletti, che spera nel recupero lampo in vista del match contro la Roma, alla società, che lavora per blindare il sodalizio vincente.

I dettagli del rinnovo

  Quanto al tecnico toscano, dall'infermeria di Castel Volturno arrivano notizie incoraggianti che però stridono con la voglia di non accelerare i tempi e rischiare magari una ricaduta che sarebbe a dir poco disastrosa proprio ora che per gli azzurri sta per cominciare il temibile tour de force che precede la sosta del campionato. Più probabile quindi che si vada verso il ritorno di Anguissa per la sfida contro i Rangers, confermando così la piena fiducia a un Tanguy Ndombele in netta crescita. L'altra partita, quella per siglare il rinnovo, procede forse ancora più spedita del recupero fisico del camerunese, pronto a legarsi al Napoli fino al 2027 con annesso aumento dello stipendio: per il classe '95 lo stipendio diventerebbe di 2,7 milioni all'anno più bonus. Un bell'investimento che andrebbe a cozzare con la recente tendenza portata avanti dal club partenopeo, determinato a ridurre (con profitto) il monte ingaggi: praticamente lo stesso canovaccio pronto a essere seguito anche per Stanislav Lobotka, tanto per restare in tema di pilastri del centrocampo. Sarà che, banalmente, anche dalle parti di Castel Volturno ci si è resi conto dell'importanza capitale della mediana, il cuore pulsante di ogni squadra: anche di quella azzurra, che non a caso i pochi momenti di sofferenza in stagione finora li ha vissuti nelle giornate negative del reparto.

Il redivivo Demme

Curiosamente spesso di mezzo c'è stata l'assenza di almeno uno tra Lobotka e Anguissa, gli intoccabili di Spalletti, uno che notoriamente affida le fortune delle proprie squadre proprio al centrocampo. In questo contesto proverà a inserirsi anche Diego Demme, al rientro dopo il brutto infortunio occorso in estate che ha complicato ulteriormente la sua avventura in azzurro. Avventura tra l'altro partita sotto i migliori auspici sia nell'ormai lontano gennaio 2020 sia dopo l'approdo in panchina proprio del tecnico toscano, che aveva indicato nel tedesco l'elemento inamovibile del centrocampo. La storia, come spesso succede, avrebbe poi scritto un copione diverso, ma chissà che la momentanea assenza di Anguissa non possa remare dalla parte di Demme, che sogna di rientrare nelle rotazioni di Spalletti.

Leggi anche - Coppa Italia, Monza, Parma e Spezia agli ottavi