Krunic (ANSA)
Krunic (ANSA)

Milano, 7 aprile 2021 – Il pareggio con la Sampdoria ha lasciato amaro in bocca in casa Milan, ma nessuno tra i rossoneri cerca alibi. A cominciare da Rade Krunic che oggi ha parlato ai microfoni di Milan TV: “Per una partita del genere non esistono scuse. Si devono vincere e basta. Non esiste la stanchezza. Mister Pioli dice sempre le cose come stanno e noi dobbiamo migliorare dove abbiamo sbagliato”. Ora la testa è all’impegno di sabato contro il Parma, avversario da non sottovalutare nonostante la classifica: “Noi non vogliamo sottovalutare nessun avversario e tantomeno possiamo farlo di una squadra che è impegnata nella lotta per la salvezza. Contro il Benevento non sono stati fortunati, ma hanno fatto bene. Sono in crescita ma noi siamo il Milan e vogliamo tornare a vincere”.
 

Il momento di forma, le assenze e l’eliminazione dall’Europa League

Per ricominciare a correre sarà fondamentale ritrovare la grinta della prima parte di stagione: “Dobbiamo tornare ad essere noi e ritrovare quella grinta e quella determinazione che abbiamo avuto sin dall’inizio. Nelle ultime uscite non abbiamo giocato al nostro livello e dobbiamo ricominciare a fare tutto come facevamo prima, con qualità e determinazione. Ora abbiamo anche più tempo in settimana per preparare le gare e riposare, un aspetto molto importante perché da tempo giocavamo ogni tre giorni e non è facile. Dobbiamo riposare mentalmente per poi preparare la gara contro il Parma. Un successo ci potrebbe far tornare il Milan di prima”. A pesare sulla flessione di inizio 2021 anche le tante assenze: “Troppe poche volte eravamo tutti disponibili e al massimo della forma per rendere al meglio. Ora però stanno finalmente rientrando tutti e sarà fondamentale avere tutto il gruppo a disposizione per il finale di stagione”. Inevitabile, poi, un accenno con una punta di amaro all’eliminazione dall’Europa League: “Avremmo meritato di passare il turno perché abbiamo fatto una grande partita a Manchester ma anche in casa. Abbiamo fatto bene ma ci è mancata un po’ di fortuna. Sono comunque orgoglioso della squadra”.

Leggi anche - Serie A: Inter e Juve vincono i recuperi. Battute Sassuolo e Napoli