A sinistra Maldini (ANSA)
A sinistra Maldini (ANSA)

Milano, 25 agosto 2020 – Nel primo, vero giorno di raduno in casa Milan ci ha pensato Paolo Maldini a fare il punto sul mercato rossonero, cominciando dalla trattativa per il rinnovo di Zlatan Ibrahimovic, ritenuto un perno fondamentale dello scacchiere di Pioli: “Stiamo lavorando duramente con il suo entourage per raggiungere un’intesa. Sappiamo bene che quella di quest’anno sarà una preparazione corta e anomala e quindi vorremmo chiudere la questione in tempi stretti”. Qualora – ma l’ipotesi resta remota – lo svedese non restasse in rossonero, il club avrebbe comunque pronto un cosiddetto “Piano B”: “MI sembra normale che in casi come questi ci siano anche un piano B e anche C e D ma la nostra priorità resta il rinnovo di Ibra”.

Una volta archiviato questo capitolo poi si penserà anche ai prolungamenti dei contratti di Donnarumma e Calhanoglu che scadono il prossimo anno. La fiducia anche su questi fronti: “Il fatto che con Donnarumma siamo arrivati all’ultimo anno di contratto è un po’ un problema ma al momento dobbiamo sistemare la questione Ibra. C’è comunque fiducia anche perché Gigio vuole restare. Noi faremo una offerta adeguata al suo valore. Per quanto riguarda Chalhanoglu ci incontreremo nelle prime settimane di settembre con il suo agente”. Non solo rinnovi, però, perché il Milan pensa anche ad alcuni innesti mirati e senza fare follie: “Lo scorso anno abbiamo gettato le basi per il Milan del futuro. Non voglio illudere i tifosi perché probabilmente non riusciremo a fare colpi sensazionali come accadeva in passato, ma saremo pronti se si dovessero presentare le giuste occasioni. Faremo comunque alcuni acquisti mirati per potenziare la rosa”. Tra questi, non si è nascosto Maldini, ci potrebbe essere il ritorno di Tiemoue Bakayoko a Milanello: “Lo conosciamo e lo apprezziamo. Esiste una trattativa ed è uno dei nostri obiettivi”.